Musica in lutto: addio al membro di “una delle più grandi band della storia”

Mondo della musica in lutto: il musicista si è spento in ospedale dopo essere risultato positivo al coronavirus. Ricoverato per problemi cardiaci, proprio all’interno della struttura sanitaria avrebbe contratto la malattia. Se ne è andato a 71 anni Dave Greenfield, tastierista degli Stranglers, la popolare band punk rock britannica diventata popolare a partire dagli anni ’70 che ha scalato le classifiche musicali con i singoli “Golden brown” e “Always the sun”.

L’artista era entrato negli Stranglers nel 1975, quindi poco dopo la sua nascita. Il gruppo ha pubblicato una foto per ricordare Greenfield chiedendo rispetto per la privacy della moglie. “Siamo devastati di annunciare che Dave è morto la scorsa notte per il Covid-19″, si legge su Instagram. “Purtroppo – riporta invece il sito ufficiale della band – ha perso la sua battaglia la scorsa notte”. (Continua dopo la foto)


La triste notizia della morte di Greenfield si è presto diffusa e gettato nello sconforto colleghi e amici, oltre che fan. “La notte di domenica 3 maggio – ha dichiarato il produttore e cantautore Jean-Jacques Burnel – il mio amico e collega […] quel genio musicale che era Dave Greenfield è morto come una delle vittime della Grande Pandemia del 2020 […] Mandiamo le nostre condoglianze a Pam”. (Continua dopo la foto)

A Dave hanno reso omaggio anche gli altri membri della band. “La sera di domenica 3 maggio, il mio grande amico e collega da 45 anni, il genio musicaleDave Greenfield, è morto come una delle vittime della grande pandemia del 2020 – ha scritto il bassista del gruppo Jean-Jacques Burnel – Siamo addolorati e inviamo le nostre più sincere condoglianze a Pam”. “Abbiamo appena perso un caro amico e un genio della musica – ha aggiunto il batterista Jet Black – Insieme abbiamo girato il mondo, era adorato da milioni di persone. Un talento enorme, una grande perdita, ci mancherà molto”. (Continua dopo foto e post)

{loadposition intext}
Anche Enrico Ruggeri ha affidato a Twitter il suo messaggio di addio. Lo ricorda come membro “di una della più grandi band della storia”: “Te la sei goduta, hai fatto parte di una delle più grandi band della storia. Tutti i tastieristi che ho avuto ricordano quante volte li ho costretti ad ascoltarti e ad assimilare quel modo di suonare solo tuo. Ti porti dietro una parte di me”. Gli Stranglers avevano posticipato il loro tour di addio proprio a causa dell’emergenza sanitaria in corso. A partire dal 2020, si sarebbero dovuti esibire nel loro ultimo tour mondiale che li avrebbe visti esibirsi in una serie di concerti tra Australia, Nuova Zelanda, Inghilterra, Irlanda, Svizzera, Spagna e Belgio.

“Morta sul colpo”. Sbalzata fuori dall’auto dopo un frontale, Giulia aveva 36 anni