Battiato torna all’elettronica: “Non avete idea di quello che vi aspetta”

Joe Patti’s Experimental Group è il titolo dell’ultimo lavoro di Franco Battiato. Un titolo strano che fa riferimento a una persona specifica. Lo spiega il cantautore in un’intervista a Repubblica: ” Joe Patti è mio zio, fratello di mia madre, immigrato negli Stati Uniti, in Florida, a Pensacola, all’età di vent’anni. Diventò ricco aprendo un’impresa, che pescava ed esportava pesce”. Comunque, con questo progetto Battiato riscopre le proprie origini, tornando all’elettronica come quando, nei primi anni Settanta – unico in Italia a usare il sintetizzatore Vcs – incassava persino i fischi pur di sperimentare nuove sonorità e rinnovare la forma della canzone. Gli chiedono se il pubblico capirà, ma secondo Battiato “l’unica cosa che conta nella vita è la parte esistenziale. Non mi interessa essere rassicurante per il pubblico. Se fai questo tradisci il tuo ruolo di artista”. Del resto, aggiunge riferendosi ai concerti in cui proporrà il nuovo lavoro, “prima di iniziare io li avverto: ‘Avete idea di quello che vi aspetta?’. Loro si mettono a ridere”.