E chi lo riconoscerebbe adesso? È il tempo che passa e non ha risparmiato neanche lui. Che effetto, però, vederlo così, praticamente sembra un altro. Scommettiamo che anche per voi l’impresa è ardua, vero? Ma guardatelo con attenzione


 

È diventato famoso in tutto il mondo – e non è un’esagerazione – con un solo film. Correva l’anno 1990. Sì, una vita fa direte voi, ma non stiamo parlando di una di quelle pellicole cadute nel dimenticatoio dopo il successo. Stiamo parlando di uno dei film di Natale per eccellenza. Uno di quelli che, in questo periodo dell’anno in particolare, si rivede in tv con lo stesso entusiasmo della prima volta. Scommettiamo anche che qualcuno lo ha anche in dvd per poterselo gustare spesso. Ma tornando all’attore in questione, sappiate che aveva 33 anni all’epoca e sappiate anche che dopo quella fama clamorosa non è rimasto a crogiolarsi sugli allori, ma ha fatto (e sta facendo) un’ottima carriera nel mondo dello spettacolo. Certo, vederlo oggi fa un po’ effetto, il tempo passa per tutti, ma per noi sarà sempre il mitico Marv Merchants, il ladro sgangherato che faceva coppia con Harry Lime in Mamma ho perso l’aereo. Sì, è proprio Daniel Stern questo signore con barba e capelli bianchi che vedete nella foto. (Continua a leggere dopo la foto)

 



Indimenticabile insieme a quell’altro mito di Joe Pesci mentre tenta di rubare a casa McCallister incappando nelle trappole architettate dal piccolo e diabolico Kevin. Insieme hanno recitato anche nel sequel, datato 1992, “Mamma, ho riperso l’aereo: mi sono smarrito a New York”, ma come dicevamo Stern ha poi proseguito la sua strada nel cinema con numerose altre commedie, tra cui “Scappo dalla città, Un furfante tra i boyscout e Celtic Pride -Rapimento per sport. Ma forse lo ricordate meglio nella commedia nera Cose molto cattive del 1998 con Cameron Diaz, Christian Slater, Jon Favreau, Leland Orser e Jeremy Piven.

(Continua a leggere dopo le foto)

 



 

Fatto sta che dopo aver recitato in queste commedie, per Daniel Stern si aprono le porte della televisione e inizia a partecipare a tantissime serie tv. Nel 2001, addirittura, è protagonista e produttore della serie Danny, in cui interpreta il ruolo di un padre separato, quasi 40enne, che deve crescere i suoi due figli pur non rinviando ai suoi sogni mentre gestisce un centro comunitario nel suo paese. Poi arriva la seria Regular Joe, in cui dà anima e corpo a Joe Binder, e torna al suo primo amore: il cinema. Tanto per nominare qualche film, recita ne L’ultima occasione con Michael Keaton, in A Previous Engagement e nel 2009, Drew Barrymore lo vuole per il suo film d’esordio alla regia, “Whip It. Ma il richiamo delle serie tv è forte e l’attore, dal 2013, si dedica esclusivamente a quelle, partecipando a Workaholics, House of Lies, Manhattan, Getting On e Angie Tribeca. E il suo compagno di furti Harry? Storia diversa per Joe Pesci, premio Oscar nel 1991 per Quei bravi ragazzi, il capolavoro di Martin Scorsese. Nel 1999 ha lasciato le scene (qualche cameo a parte) per dedicarsi alla sua grande passione: la musica.

Potrebbe anche interessarti: “Mamma ho perso l’aereo”, vi siete mai chiesti cos’è successo a Kevin McCallister? In un video il sequel del film cult degli anni Novanta: il trauma dell’abbandono non è stato dimenticato e l’attore è irriconoscibile