”Ecco a chi pensavo durante l’intervento. Così ho vinto contro il destino”. L’infarto, la corsa in ospedale e l’operazione, ma sempre con quel pensiero fisso. È lo stesso Al Bano a confessarlo mentre ripercorre quei momenti concitati e di paura


 

È passata la nottata per Al Bano Carrisi. Due ore sotto i ferri per superare l’infarto che lo ha colpito nella notte tra il 9 e il 10 dicembre. Il cantante di Cellino San Marco è pronto a tornare sul palco. Lo farà a febbraio al teatro Ariston di Sanremo e attualmente è nelle sale cinematografiche con il film di Fausto Brizi “Poveri ma ricchi”. Ha raccontato la terribile esperienza in una intervista rilasciata al settimanale “Gente”: “I miei 5 figli mi danno la forza per affrontare e superare qualsiasi avversità. Anche in quest’occasione la mia mente è corsa a loro. Ho oltrepassato le Forche Caudine del cuore. Tutto mi aspettavo tranne che ritrovarmi in sala operatoria, inerme, appeso al destino. Solo in quel momento mi sono reso conto di quanto ho strapazzato questo mio cuore. Di giorni e di notte. Quando canti, lui pompa più sangue del dovuto. Quando vivi intensamente come faccio io, senza risparmiarti mai, su e giù per gli aerei, lui assorbe tutto il bene ma anche tutto il male che la vita ti riserva”. (Continua a leggere dopo la foto)



Nonostante fosse in sala operatoria, il pensiero di Al Bano andava sempre alla sua famiglia, a sua mamma che ha 94 anni e ai suoi figli: “Per natura sono un combattente: se prendo uno schiaffone, un pugno nell’anima, mi rialzo e guardo avanti. Non mi fermo e non mi volto indietro. Ora ho capito l’importanza di respirare, prendersi un po’ più di cura di sè, fermarsi. Per un attimo, intendo. La paura non ha mai abitato in me, Preferisco il coraggio, che devo innanzitutto ai miei figli. Questa volta, se c’era un timore era per loro. Per i ragazzi, per mia madre che ha 94 anni. Durante l’intervento ero sedato e pensavo a loro. Voglio sempre preservarli, proteggerli, non vorrei mai dare loro brutte notizie. Sono la mia vittoria, il senso di tutto. Pensavo e pregavo, perché ho uno stretto contatto con il mio amico lassù”.

(Continua a leggere dopo le foto)



 

Un Al Bano che quasi grida al ‘miracolo’, ed ora pronto a ripartire. Da Sanremo: “Ora sto alla grande, mi sento più giovane di prima. L’unico neo è che mi hanno messo a stecchetto: no pasta, no pane, no carne, no dolci. Due bicchieri di vino rosso sono riuscito a spuntarli. A Natale brinderò alla vita”.

Ti potrebbe anche interessare “Io e Al Bano saremo sposati per sempre.” La dichiarazione inaspettata (e piuttosto strana) di Romina Power non è passata inosservata. Puntuale come un treno è arrivata la velenosa reazione di Loredana Lecciso. Parole che lasceranno il segno