“Non ci credo, sono proprio loro!”. Chi non ricorda Fred e George, i gemelli Weasley di Harry Potter? Capelli rossi, sempre intenti a pianificare qualche scherzo, sono tra i personaggi più famosi della saga. Oggi, ecco come sono diventati i due attori


 

Chi non ricorda i mitici gemelli Fred e George Weasley? Creati dalla brillante penna di J. K. Rowling, sono tra i personaggi indimenticabili che popolano il mondo magico di Harry Potter, caratterizzati dal colore rosso dei capelli e dalla data di nascita, il primo aprile. Non proprio un caso, considerando quanto adorino ridere e fare scherzi in continuazione, anche ai proprio famigliari. Sul grande schermo sono stati interpretati da una coppia di veri fratelli, gli attori James e Oliver Phelps, e vantano presenze su tutte le otto pellicole dedicate alla saga del maghetto più famoso della storia. Ma oggi, come sono diventati quei due ex monelli inguaribili? A pubblicare le foto dei due è la testata britannica Sun, che li ha immortalati dopo 5 anni di lontananza dal set. I due erano soltanto quattordicenni all’epoca in cui firmarono il contratto che aprì loro le porte di Hollywood.

(Continua a leggere dopo la foto)







 

Tra le clausole che avevo accettato, tra l’altro, c’era quella di tingersi di rosso i capelli fino alla fine dei capitoli di Harry Potter, non potendo tornare al loro colore naturale (castano scuro) nemmeno tra una ripresa e l’altra. Considerando i lautissimi guadagni, però, non dev’essere stato un peso troppo grande da sopportare.

(Continua a leggere dopo la foto)

 






James e Oliver (che finalmente possono sfoggiare il loro vero look) sono rimasti fedeli alle origini: hanno lanciato l’attrazione The Wizarding World of Harry Potter presso gli Universal Studios Hollywood di Los Angeles e saranno a breve impegnati in un nuovo film fantasy. Più maghi di così…

Harry Potter, la notizia è stata data poco fa e ha dell’incredibile. “Sì, è in vendita”. Appena pubblicato l’annuncio il web è impazzito: “La prendo io!” Avete capito di cosa stiamo parlando? No, non lo immaginerete mai…

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it