In camicia da notte e col bastone: paparazzata così, l’attrice svela la sua malattia


“Potrei essere imbarazzata da queste foto dei paparazzi, anche perché è probabilmente questo il motivo per cui qualcuno decide di pubblicarle, ma in realtà non lo sono per niente. Potrei mentire e dire che si tratta di un primo travestimento per Halloween, ma a dire il vero questa è la vita quando hai dei problemi con le malattie croniche”.

Inizia così il lungo post della star 33enne che su Instagram si mostra decisamente diversa da come siamo abituati a vederla, in tv e sui red carpet: è in camicia da notte e con il bastone. Irriconoscibile, sì, ma come sottolinea lei non è un costume per Halloween. Così è stata immortalata dai paparazzi e l’attrice ha deciso di pubblicare quelle foto rubate e raccontare ai follower (su Instagram ne conta circa 3 milioni) la sua malattia. (Continua dopo la foto)








Lena Dunham, star della serie ‘Girls’ soffre della sindrome di Ehlers-Danlos. Che significa “aver bisogno di un supporto maggiore rispetto a quello che mi danno i miei amici….quindi grazie bastone! – ha continuato l’attrice nel post – Per anni ho resistito, evitando di fare qualunque cosa che rendesse più semplice la mia situazione fisica, convinta del fatto che un bastone ‘sarebbe stato strano’. Ma è molto meno strano essere effettivamente in grado di gettarmi nella mischia che dover stare ferma a letto tutto il giorno”. (Continua dopo la foto)





La sindrome di Ehlers-Danlos colpisce prevalentemente il tessuto connettivo e comprende una serie di patologie ereditarie contraddistinte da lassità dei legamenti e iperelasticità della cute. Ad oggi è ancora difficile fare una diagnosi precoce e non esiste terapia. Nel post Lena spiega anche la camicia da notte: “Stavo facendo quattro passi dalla macchina per andare dal dottore e volevo sentirmi comoda”, specificando di essersi vestita elegante appena un’ora dopo per presentarsi ad una riunione. (Continua dopo foto e post)


 

Visualizza questo post su Instagram

 

I could choose to be embarrassed by these paparazzi pics- I mean, that’s probably the point of someone publishing them in the first place- but I’m really not. I could lie and say it was an early Halloween look (Don’t you get it? I’m going as a con woman leaving a Florida Keys jail after being acquitted of murdering her husband, and now she’s trying to get disability license plates.) But the truth is just: This is what life is like when I’m struggling most with chronic illness. An Ehler-Danlos syndrome flare means that I need support from more than just my friends… so thank you, sweet cane! For years, I resisted doing anything that would make my physical situation easier, insisting that a cane would “make things weird.” But it’s so much less weird to actually be able to participate than to stay in bed all day. And yes, you’d better believe I’m wearing my nightgown. I was walking four feet to the car to go to the doctor and I wanted to be full cozy. I mean, didn’t Bieber wear hotel slippers for like five years? Yeah, so I can wear my glamour nighty for two hours. And then an hour later, I’m in a meeting look tackling the job I love. That’s the two-fold life of a woman with chronic illness; we still rock our dreams and goals and passions (and fashions) and we live many lives in one day. Tell me about your day!

Un post condiviso da Lena Dunham (@lenadunham) in data:

 


“Sono i due volti della vita di una donna che soffre di una malattia cronica: inseguiamo comunque i nostri sogni, i nostri obiettivi, le nostre passioni (e le mode)”, conclude la 33enne. Il post di Lena Dunham ha subito incontrato l’affetto e la solidarietà dei fan, colpiti anche dal suo coraggio di uscire allo scoperto. “Anche mia figlia ha la stessa sindrome. È dura”, si legge in un commento. E poi: “Questo è il mondo reale. Questa sono io la maggior parte dei giorni, quando mi manca la forza e ho dei dolori. Continua ad essere te stessa, sei così bella”.

Uomini e Donne, accusa pesantissima alla ex tronista: “Ha rubato i soldi ed è scappata”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it