“La morte non è niente”. Poi un lungo applauso, l’addio commovente a Loredana Simioli


Mondo dello spettacolo, e in particolare di quello napoletano, in lutto per la morte di Loredana Simioli. L’attrice è scomparsa nella giornata di ieri all’età di soli 45 anni, a causa di un terribile cancro. Oggi si sono svolti i funerali presso la sala Gemito, al secondo piano della Galleria Principe di Napoli, di fronte il Museo Archeologico Nazionale.

Nel caso di Loredana Simioli al funerale sono stati esposti dei quadri e dei piccoli racconti ironici e giocosi. È stato  Gianni strappare un malinconico sorriso: “Salutiamo Loredana – ha detto – con un ricordo divertente di lei “scapricciatiello”. Questa canzone era proprio la sua”. Lunghissimo l’applauso prima del rito buddista. Poi la lettura del brano “La morte non è niente”, solitamente attribuito alla penna di Agostino d’Ippona, meglio noto come Sant’Agostino: ”La morte non è niente”. (Continua a leggere dopo la foto)



”Sono solamente passato dall’altra parte: è come fossi nascosto nella stanza accanto. Io sono sempre io e tu sei sempre tu. Quello che eravamo prima l’uno per l’altro lo siamo ancora. Chiamami con il nome che mi hai sempre dato, che ti è familiare; parlami nello stesso modo affettuoso che hai sempre usato. Non cambiare tono di voce, non assumere un’aria solenne o triste. Continua a ridere di quello che ci faceva ridere, di quelle piccole cose che tanto ci piacevano quando eravamo insieme. Prega, sorridi, pensami!”. (Continua a leggere dopo la foto)


”Il mio nome sia sempre la parola familiare di prima: pronuncialo senza la minima traccia d’ombra o di tristezza. La nostra vita conserva tutto il significato che ha sempre avuto: è la stessa di prima, c’è una continuità che non si spezza. Perché dovrei essere fuori dai tuoi pensieri e dalla tua mente, solo perché sono fuori dalla tua vista? Non sono lontano, sono dall’altra parte, proprio dietro l’angolo. Rassicurati, va tutto bene. Ritroverai il mio cuore, ne ritroverai la tenerezza purificata. Asciuga le tue lacrime e non piangere, se mi ami: il tuo sorriso è la mia pace”. (Continua a leggere dopo la foto)


 

Talento artistico puro era particolarmente amata dal pubblico partenopeo. Di recente aveva anche presentato “Io non ho vergogna”, un videoclip che raccontava la sua battaglia contro questa terribile malattia per mandare un messaggio di coraggio e speranza a chi la doveva affrontare come lei. Purtroppo non ce l’ha fatta anche se non ha mai perso, nemmeno nelle ultime ore, la speranza e la voglia di sorridere della gioia di vivere. Napoli perde una grande artista divenuta celebre per il personaggio di Mariarca in “TeleGaribaldi” e per essere diventata un simbolo di coraggio e di forza per tutti gli ammalati di cancro.

Piange il mondo dello spettacolo, addio all’attrice simbolo della lotta al cancro