Ricoverato in rianimazione all’ospedale di Napoli: paura per l’attore Ennio Fantastichini


Ricoverato nel reparto di rianimazione del Policlinico di Napoli. Paura per l’attore Ennio Fantastichini che, come riporta Il Mattino, nella serata di martedì 13 novembre è stato trasportato presso il reparto di rianimazione dell’azienda ospedaliera universitaria Federico II per una brutta forma di polmonite. Sarebbe in condizioni serie, ma comunque non in pericolo di vita. Il sito del quotidiano riferisce anche che l’attore 63enne non risulterebbe intubato, sarebbe cosciente e in grado di respirare autonomamente.

L’equipe medica guidata dal professor Giuseppe Servillo lo sta sottoponendo a cure mediche intensive, si legge ancora, ma non sono state rilasciate ulteriori dichiarazioni riguardo alla prognosi. Si parla di una situazione resa seria da “fattori specifici e aspecifici, come la sensibilità dei microrganismi agli antibiotici e lo stato del sistema immunitario che può risentire di patologie acute, croniche preesistenti”. (Continua dopo la foto)




Fantastichini è uno dei più grandi attori di teatro e di cinema italiani. Di recente lo abbiamo visto recitare anche nel capitolo conclusivo di Squadra Antimafia: nella fortunata fiction andata in onda su Canale 5 ha vestito i panni del boss che tornava nella sua terra a caccia di vendetta. Ma la sua carriera è iniziata oltre 35 anni fa. Nel 1982, quando ha esordito sul grande schermo con Fuori dal giorno. Il grande successo, però, arriva con Porte aperte di Gianni Amelio, che gli permette di conquistare un Ciak d’oro, un Nastro d’argento come miglior attore non protagonista, un European Film Awards come scoperta dell’anno e il Premio Felix. (Continua dopo la foto)



Ha recitato per Paolo Virzì in Ferie d’agosto e ha lavorato con grandi registi come Giuseppe Bertolucci, Emidio Greco, Sergio Rubini, Peter Greenaway, Marco Risi. Ferzan Ozpetek lo ha scelto per i suoi Saturno contro e Mine vaganti. Questo ultimo film gli ha regalato un David di Donatello come miglior attore non protagonista e un altro Nastro d’argento. (Continua dopo la foto)


 


Nel suo curriculum sono numerose anche le fiction per il piccolo schermo. Oltre a Squadra Antimafia, in televisione lo abbiamo visto anche ne La piovra 7, Paolo Borsellino, Il mostro di Firenze e Fabrizio De André – Principe Libero. Da quanto è emerso finora, le condizioni di salute dell’attore sarebbero serie e preoccupanti, anche se, lo ripetiamo, non sarebbe in pericolo di vita.

Dietro le quinte del potere Business.it

Rocco Siffredi in ospedale, l’attore è stato operato