“Mer**!”. Uomini e Donne, la rabbia dell’ex corteggiatrice scatena la rete


“Ogni giorno sulla metro, a ogni ora, ci sono le zingare che girano in gruppo cercando di rubarti anche la tua stessa vita! Per la seconda volta hanno provato a farlo con me. Le stesse facce e le stesse persone e naturalmente non ci sono mai riuscite. A distanza di una fermata sale una signora urlando perché le stava per succedere la stessa cosa con un altro gruppo di zingare. Sono sconvolta e schifata dal fatto di questa Italia di mer***. Bisogna avere l’ansia a salire sulle metro perché ci sono questi zingari che ti vogliono derubare. Non possiamo neanche parlare che queste qui ti sputano addosso! E complimenti che dalla Polizia ti senti dire ‘questa è l’Italia le leggi devono cambiare, non possiamo fare niente’. Io sono schifata dallo schifo dell’Italia, questo paese non vale più niente”. Il post porta la firma di Martina Luchena, ex corteggiatrice di Uomini e donne, che si sfoga dopo una disavventura in metropolitana. (Continua dopo la foto)






Alcuni “zingari”, come li chiama su Instagram la modella, hanno cercato di derubarla. A scatenare la furia è stato però quello che è accaduto dopo: il toccare con mano, cioè, come lo Stato italiano non garantisca in alcun modo le vittime dei delinquenti. Immediati i commenti della rete. “Questo e’ il paese che ci ha IMPOSTO la sinistra!!! e solo Salvini vuole cambiarlo, anche se forze oscure…che tanto oscure ormai non sono piu’, perche’ sono state costrette a scendere in campo, per combattere il Ministro , VOGLIONO IMPEDIRLO!!”. (Continua dopo la foto)






Scrive un’utente. A cui fa seguito un’altra: “Devono cambiare le leggi!si deve fare il cumulo dei reati i rom fanno reati che per malafede sono portati a tempi irrisori. Però se per ogni reato si sommano tutti gli altri andranno dentro e non creeranno piu problemi, al più quando escono tornano al loro paesePerò questo deve essere valido PER TUTTI STRANIERI DI QUALUNQUE COLORE O RAZZA COMPRESI I ITALIANI”. (Continua dopo la foto)



 


Nelle settimane scorse aveva fatto scalpore la notizia dell’annuncio contro i Rom su Trenord: “I passeggeri sono pregati di non dare monete ai molestatori. E nemmeno agli zingari: scendete alla prossima fermata, perché avete rotto i coglioni”, era stato il tono del messaggio. Alcuni dei viaggiatori che si trovavano a bordo del treno avevano segnalato il caso sui social e via mail a Trenord ha aperto un’inchiesta interna.

Ti potrebbe interessare: “Mamma, papà?”. Poi il figlio apre la porta e si trova davanti una scena raccapricciante

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it