“Io amo così”. Patty Pravo la confessione dell’ex ragazza del Piper accende i fan


Alla soglia dei 70 anni la ragazza del Piper non ha nessuna voglia di smettere. Patty Pravo continua dritta per la sua strada raccogliendo consensi e applausi ad ogni passo. Ad amarla però non è solo il pubblico ma anche i colleghi, uno su tutti: Franco Califano. Almeno artisticamente. Si perché Patty si è trovata a sua insaputa inserita nel testamento del Califfo. «Un regalo inaspettato quello che mi è arrivato quest’estate: essere scelta da Franco Califano nel suo testamento artistico mi ha emozionato»: Patty Pravo racconta che è pronta ad incidere un inedito postumo del Maestro, che avrebbe compiuto ieri 80 anni, intitolato «Io so amare così». Più che di una canzone completa si tratta di versi riportati alla luce e musicati da Frank Del Giudice (bassista, compositore e coautore di Califano, insieme scrissero anche il pezzo manifesto della sua carriera ‘Tutto il resto è noià ndr) che con il cantautore, scomparso 5 anni fa, ha condiviso centinaia di palcoscenici e di chilometri per circa 30 anni. (Continua dopo la foto)







«L’idea del titolo e le parole dell’inciso e di parte del testo risalgono più o meno a fine anni ‘80. In uno dei tanti viaggi notturni insieme in auto – racconta Frank Del Giudice – Franco era al volante ad io accanto a lui. Gli piaceva guidare con me vicino perché, diceva, ero un buon navigatore mentre altri amici, dopo la prima curva, si addormentavano. Immaginando una canzone dal titolo “Io so amare così”, mi disse di prendere appunti sul testo e di ricordarmi che quel pezzo sarebbe stato per Nicoletta (Strambelli, Patty Pravo ndr)». (Continua dopo la foto)






Anche precedentemente, scrivendo “Tutto il resto è noia”, racconta ancora Del Giudice, «fu tirata in ballo Nicoletta in un discorso, ma questo è un aneddoto che non posso rivelare prima di averlo raccontato a lei». Dopo aver ottenuto l’ok dagli eredi di Califano, in particolare dalla figlia Silvia, spiega Del Giudice, «Alberto Zeppieri ha completato il testo, mente la musica è mia». Patty Pravo ricorda con gioia i bei momenti trascorsi in amicizia con Califano, vissuti come una sorella «più divertente che da amante», racconta sorridendo. (Continua dopo la foto)



 


«Non potevo non accettare questo regalo giuntomi mentre mi trovavo in studio per il mio nuovo lavoro discografico, tramite il responsabile Unicef per i progetti musicali Alberto Zeppieri. Parte dei diritti editoriali Siae saranno infatti donati all’Unicef».

Ti potrebbe interessare: “Fabio non ce l’ha fatta”. Ancora sangue sulle strade italiane

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it