“Non si deve permettere”. Massimo Giletti, che caos! Sotto gli occhi delle telecamere, il conduttore protagonista di una lite furibonda. Spettatori increduli, urla e parolacce


 

Tutto era iniziato con una storia di denunce coraggiose, fatte da chi è stufo di dover sottostare a un sistema malato e perverso che ostacola gli imprenditori con la forza della violenza e delle minacce. Ed è finito con una lite furiosa che agli spettatori non è certo sfuggita, un siparietto allucinante che ha lasciato a bocca aperta chi era collegato in quel momento da casa. Luogo dello scontro verbale che si è consumato sotto gli occhi delle telecamere è stato il programma Non è l'Arena condotto da Massimo Giletti. Al momento in cui è scoppiato il putiferio, la trasmissione stava raccontando la storia di tre donne, sorelle, di nome Irene, Anna e Ina Napoli. Imprenditrici agricole stanche delle intimidazioni mafiose subite nello svolgimento della loro attività, avevano raccontato la loro storia, attirando così le attenzioni mediatiche sul paese di Mezzojuso, in provincia di Palermo, Sicilia. Il collegamento proprio con la cittadina è però presto degenerato in un siparietto ai limiti dell'inverosimile, con  toni molto accesi e parole grosse che hanno iniziato a volare a microfoni aperti, nell'imbarazzo totale.  (Continua a leggere dopo la foto)

Dopo che le tre avevano parlato del pochissimo aiuto ricevuto dalle istituzioni e dalla comunità dove vivono, ecco infatti che dal pubblico assiepato dietro l'inviato una ragazza ha iniziato a urlare prendendosela con  lo stesso Giletti. Quando le è stata data possibilità la giovane, che si è poi qualificata come vicepresidente della consulta giovanile, di parlare ha detto: "Dottor Giletti! Dottor Giletti! Io esprimo tutta la solidarietà alle sorelle Napoli, ma non le permetto di offenderci". A quel punto il conduttore ha però reagito, chiedendo alla ragazza come mai l'attenzione del paese per le tre sorelle sia iniziata soltanto dopo la denuncia fatta tramite la tv, dopo anni di indifferenza. (Continua a leggere dopo le foto)

ads

 

La ragazza ha perso a quel punto completamente le staffe, iniziando a urlare a squarciagola "I processi si fanno all'inferno, non nei talk show", ribadendo poi di non tollerare gli insulti al suo paese e concludendo il tutto con un bel "vaffa" rivolto in direzione delle telecamere, prima di andarsene di nuovo tra la folla. Antonio di Pietro, ospite in quel momento della trasmissione in onda su La7, si è lasciato sfuggire un commento al vetriolo dopo la sceneggiata: "Che peccato questi giovani" ha infatti sussurrato in diretta il magistrato di Mani Pulite.

“Una tragedia”. Giletti, il gesto per Cristina Parodi. Sempre senza peli sulla lingua, le sue parole non saranno piaciute a tutti. Anzi, aspettiamoci un polverone

ads