“Sono bisex, l’ho scoperto così”. Confessioni proibite da Massimo Giletti: sotto gli occhi imbarazzati del conduttore lei, sogno proibito di molti maschietti, si lascia andare e svela (quasi) tutto della sua vita sotto le lenzuola


 

Un’intervista che, viste le premesse, sicuramente non poteva essere banale. Difficile d’altronde immaginare il contrario se di mezzo c’è una delle regine indiscusse dell’eros italiano, ospite di Non è L’Arena dove da diverse settimane a questa parte Massimo Giletti ritaglia degli spazi per investigare nel mondo del proibito, coinvolgendo tanto esperti e sessuologi quanto chi l’hard lo conosce da vicino, avendo scelto delle carriere ben precise.

Ultima in ordine cronologico a presentarsi di fronte ai microfoni del conduttore è stata Michelle Ferrari, nome d’arte di Cristina Ricci, attrice pornografica e scrittrice originaria di La Spezia e che oggi ha 34 anni. La donna ha raccontato la sua vita “proibita” senza filtri, spiegando anche il suo approccio a certi locali e il rapporto particolare che ha con il sesso, sia con gli uomini che con le donne. “Cosa si scopre andando in quei posti lì?” chiede a un certo punto Giletti. Michelle non si fa intimorire: “Tante cose. Prima di entrare in un club privé, io per esempio non avevo mai conosciuto il mio lato bisex”. (Continua a leggere dopo la foto)







“Lì dentro – prosegue la Ferrari sotto gli occhi delle telecamere di LA7 – ho avuto per la prima volta un rapporto con una donna, senza censura. Mi sono buttata e ho scoperto che mi piaceva, che mi faceva stare bene. Credo sia inutile partire con una sessualità preconfezionata, quella che il mondo esterno ci vuole imporre. Non funziona così. Il nostro corpo reagisce in maniera diversa ai vari stimoli che riceve. Ma questi stimoli ha bisogno di averli”. Michelle ha così invitato gli spettatori a non tirarsi indietro di fronte alla possibilità di fare esperienze diverse e a sperimentare con la loro pelle prima di prendere delle decisioni. (Continua a leggere dopo la foto)








 

“Non posso dire ‘la mia sessualità è questa’ se prima non metto alla prova il mio corpo – ha concluso Michelle dopo aver spiegato il suo punto di vista – soltanto con l’esperienza si può arrivare davvero a una consapevolezza di noi stessi”. Agli altri ospiti in studio che criticavano la scelta di certe coppie di recarsi insieme nei club a luci rosse, la Ferrari ha risposto: “Invece è una cosa positiva, vuol dire che nella coppia ci si confronta e si fanno esperienze insieme. Non parlarsi porta a incomprensioni, anche di natura sessuale, che hanno conseguenze a lungo andare terribili in una relazione”.

“Voleva fare sesso, poi le botte…”. Le orribili parole di Stefania Sandrelli che solo oggi ha trovato il coraggio di raccontare quell’episodio drammatico del suo passato. In diretta, la sua confessione agghiacciante

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it