”Volevo farla finita e arrivai persino ad offrire un milione al mio assassino ma poi…”. La confessione choc dell’artista dopo l’esperienza più brutta della sua vita


 

”Volevo farla finita, pensai al suicidio assistito e arrivai ad offrire un milione di dollari a chi si volesse proporre come mio assassino. Nessuno, però, accettò”. Succedeva sette anni fa quando la vita del famosissimo artista di cui stiamo parlando è stata letteralmente sconvolta.

(Continua dopo la foto)



Lui è Travis Barker, batterista dei Blink-182, che sette anni fa, appunto, è sopravvissuto per miracolo a un incidente aereo. Dopo essere partito da un aeroporto a bordo di un elicottero, il velivolo si schiantò poco dopo il decollo e nell’incidente morirono quattro persone, tra cui l’amico fraterno Dj Am. Travis si salvò insieme a un’altra persona ma riportò ustioni per il 65% del corpo: ”Avevo perso degli amici, ero immobilizzato a letto e i miei figli a scuola disegnavano incidenti aerei”, scrive il musicista nella sua autobiografia Can I say, dal tatuaggio che porta da sempre sul petto. Da qui il pensiero di togliersi la vita, tanto erano tragici quei momenti.

Potrebbe anche interessarti: “Segnato dal suicidio di mio padre”: Morgan scrive la sua vita. E sulla tv…