“Io a Sanremo? Vi svelo la verità”. Michelle Hunziker lancia la bomba: quindi sarà lei ad affiancare Claudio Baglioni? È lei stessa, però, a confessare i retroscena: come stanno le cose


 

Ecco l’indiscrezione bomba, e ora i tantissimi fan stanno lì a sperare. Invenzione del gossip? Macché, è stata proprio lei a lanciare l’assist: “Se dovesse andare tutto come deve andare…”. Michelle Hunziker a “Domenica In” non conferma in modo certo le voci insistenti sulla sua partecipazione al festival di Sanremo 2018 ma lascia volutamente intendere che sarebbe ben felice di tornare sul palco dell’Ariston per condurre il prossimo festival con Claudio Baglioni. E soprattutto con quel “se” pare rimandare ad accordi che sarebbero già in fase molto avanzata, prossimi dunque ad un’ufficializzazione. Alla domanda diretta sul suo possibile impegno, Michelle Hunziker ha risposto: “Se dovesse andare tutto come deve andare, sono la prima a esserci, perché sono pazza, piacevolmente pazza”. Sanremo rappresenta inevitabilmente una grande scommessa per i suoi conduttori. Una sfida non sempre vinta e assai difficile. Ma la Hunziker pare non sentire il peso o la pressione di quel palco, anzi sembra godersi l’ipotesi di un grande ritorno… (Continua a leggere dopo la foto)

Ti potrebbe interessare: L’AMORE VINCE TUTTO. IL VIDEO VIRALE CHE SPOPOLA IN RETE…



Al Festival, infatti, ha debuttato nel 2007 con Pippo Baudo e di Sanremo ha uno splendido ricordo. “Ma quanto era bello, mi sono divertita tanto: saluto Pippo, un mito”. In trasmissione, l’occasione per rivedere immagini di quell’edizione, riviverne le atmosfere e guardare avanti.  Insomma, mi sa che il suo nome, ormai, è molto più che solo un’ipotesi. Intanto è ufficiale la selezione dei Big in gara in questa edizione 2018 targata Claudio Baglioni.  Nomi come quello di Diodato e Roy Paci, certamente sconosciuti al pubblico abituale di Sanremo e di RaiUno, o come quello de Lo Stato Sociale, band in grado di sovvertire gli schemi della canzone e quindi anche di poter sorprendere sul palco dell’Ariston, o una coppia napoletana di eccellenza assoluta come quella formata da Enzo Avitabile e Peppe Servillo. (Continua a leggere dopo la foto)



 

No, non sarà un festival come tutti gli altri, con Bungaro e Pacifico, Giovanni Caccamo, Renzo Rubino, vecchie e nuove glorie di una canzone d’autore che cerca rinnovamento. Ma a compensare abbiamo il duo Pooh di Robi Facchinetti e Riccardo Fogli, e un singolo Pooh come Red Canzian, una divina della canzone nazionale come Ornella Vanoni, la grande voce di Mario Biondi e quella travolgente di Noemi, un colosso della canzone italiana come Ron. Ma poi c’è Nina Zilli, c’è Annalisa, ci sono Ermal Meta e Fabrizio Moro, c’è Luca Barbarossa, c’è il grande Max Gazzè, ed il quadro si fa allo stesso tempo più chiaro e più confuso, soprattutto se si aggiungono i Kolors e Le Vibrazioni, i Decibel e Elio e le Storie Tese (sciolti? Forse no).

Ti potrebbe interessare anche: Colpo di scena a Striscia la Notizia: Michelle Hunziker non si presenta in studio e, senza alcun preavviso, Ezio Greggio fa un annuncio che nessuno poteva aspettarsi. Telespettatori preoccupati poi si scopre cosa le è successo