”Sto male, purtroppo è vero…”. Mondo dello spettacolo in apprensione per l’amata attrice. Durante il gala si sente male: la corsa in ospedale, la diagnosi e l’appello sui social


 

Lena Dunham, 30 anni, attrice e produttrice di Girls ha dovuto abbandonare il MET Gala a causa di un malore. Lena ha fatto in tempo a salire solo i gradini del Metropolitan Museum di New York prima di essere ricoverata in ospedale. ”Purtroppo ci sono state alcune complicazioni legate all’ultimo intervento chirurgico che ho subito per curare l’endometriosi. Sono fortunata a poter ricevere assistenza sanitaria per questo problema, soprattutto quando molte donne americane non possono avvalersene. A chi si trova a vivere questa condizione privilegiata, non dimentichiamo mai quanto siamo fortunati a poterci pagare queste cure. Voglio anche ricordare a tutte le donne affette da disturbi cronici che non siamo deboli. In realtà, è il contrario. Lavoriamo e ci prendiamo cura delle nostre famiglie anche quando non riusciamo a farlo. Sfoggiamo il nostro viso su un tappeto rosso anche quando l’unica cosa che vorremmo è restarcene a letto”. (Continua a leggere dopo la foto)







”Adesso sta bene e riposa. Come sapete, da anni Lena combatte contro l’endometriosi (una malattia purtroppo ancora poco conosciuta dell’apparato riproduttivo femminile che causa dolori molto forti e che, in alcuni casi, può sviluppare problemi di fertilità, ndr)”, ha fatto sapere poche ore dopo una fonte a PageSix. Ma a rivelare cosa fosse davvero successo è stata la stessa attrice, che già nel 2015 aveva raccontato – sulle pagine del suo Lenny letter – ”come si vive con l’endometriosi”.  (Continua a leggere dopo la foto)








A Lena l’endometriosi è stata diagnosticata a 26 anni, prima di allora i sintomi non erano stati riconosciuti e l’attrice veniva curata con antidolorifici, come si trattasse di una semplice colite o di un ciclo mestruale un po’ più doloroso.

È una malattia subdola e invalidante, che affligge milioni di donne. Ma finalmente per l’endometriosi siamo a una svolta: l’annuncio sui social che molte aspettavano…

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it