Le foto di Romina Power nuda e quel passato sadomaso…


 

Se pensiamo a Romina Power, la prima cosa che ci viene in mente generalmente è Felicità cantata a quel Festival di Sanremo di tanti anni fa. Ma per capire chi fosse prima di diventare il fenomeno pop grazie al matrimonio e la carriera musicale con Al Bano, tuttavia, bisogna scavare nel mondo underground italiano degli anni ’60 e ’70. Lo racconta in un articolo il sito Vice, ripreso da Dagospia, che ripercorre i primi passi della carriera artistica della figlia di Tyrone Power e Linda Christian, le “due stelle della golden age holliywoodiana”.

(continua dopo la foto)







Romina è stata una “ragazza del Piper”, lo storico locale beat di Roma, ha posato nuda per le riviste dell’epoca, diventato un’icona degli adolescenti alla tenera età di 15 anni. Ma il culmine dello scandalo, la giovanissima Romina lo ha raggiunto recitando nel film Justin, ovvero le disavventure della virtù, una pellicola di Jesùs Franco del 1968 ispirata al famoso libro del Marchese De Sade.

(continua dopo la foto)






Nel film, Romina venne sottoposta a torture e molestie di ogni tipo, sia nella finzione che nella realtà: secondo il regista, sul set la Power si dimostrò talmente poco “reattiva” che in diverse scene la violenza fu tutto tranne che simulata, unico escamotage per indurre la giovane a tradire un pur minimo grado di partecipazione. Justine non è senz’altro il miglior titolo dell’autore di Vampyros Lesbos; il Mereghetti gli dà una stella e mezzo e lo descrive come “uno dei film che Romina Power vorrebbe dimenticare,” ma può comunque contare su atmosfere morbosamente psichedeliche che lo rendono un tipico prodotto dell’epoca.

(continua dopo la foto)



È anche noto che Romina Power fu per i produttori una scelta di ripiego (a interpretare la protagonista, Jesus Franco avrebbe voluto la compianta Rosemarie Dexter), forse per lei, sarebbe stato un bene.

Ti potrebbe anche interessare: Gossip di altri tempi. Romina Power senza veli, sul web impazzano i suoi scatti da ragazzina

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it