Compra un divano usato per soli 70 euro. Quello che trova dentro è sconvolgente


Una scoperta che gli avrebbe potuto cambiare la vita. Protagonista della storia di fortuna, ma anche di grande di bontà d’animo e altruismo, è Howard Kirby, un uomo del Michigan, negli Stati Uniti. La storia, che potrebbe essere la trama di un film ricco di colpi di scena, ha visto come protagonista un anziano signore con una lunga e folta barba bianca e degli occhialini come Babbo Natale.

Un “Babbo Natale” moderno che ha compiuto un gesto di grande generosità e altruismo. Il signor Kirby aveva acquistato il vecchio divano presso un negozio di paese. Solo dopo qualche settimana, sedendosi su uno dei cuscini, si sarebbe accorto di qualcosa all’interno dell’imbottitura. Dopo aver attentamente scucito i bordi del cuscino l’anziano signore ha fatto una scoperta pazzesca. (Continua a leggere dopo la foto)






Dopo la scoperta, l’acquirente è stato colto presto da un grande dilemma morale: restituire il denaro o far finta di niente. All’interno del divano di seconda mano, il signor Kirby ha scoperto all’interno la considerevole somma di 43.000 dollari, una cifra pari a circa 38.700 euro. (Continua a leggere dopo la foto)






L’uomo ha raccontato la sua storia alla CBS 5. “Quando mi sedevo sul divano mi sentivo scomodo, come se ci fosse qualcosa dentro – ha spiegato Howard Kirby all’emittente televisiva – ho chiesto a mia figlia di controllare all’interno dei cuscini e aprendoli ho scoperto il denaro”. Sebbene un avvocato abbia spiegato all’uomo di non avere alcun obbligo legale di restituire i soldi, Howard è tornato al negozio per cercare il precedente proprietario. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Così l’uomo ha scoperto che il divano era stato ereditato da Kim Fauth-Newberry alla morte di suo nonno e che la donna non sapeva nulla del denaro. Kim è rientrata in possesso della sua inaspettata eredità, ma Kirby ha tenuto il divano acquistato.

“Vergognati!”. 300 regali sotto l’albero di Natale. La mamma vip pubblica il video e finisce nella bufera

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it