Lisa, 3 anni, uccisa a martellate dalla mamma: “Troppe pastiglie”


Uccide a martellate la figlia di 3 anni dopo aver ingerito diversi antidepressivi, poi tenta il suicidio. Ora la giovane mamma si trova ricoverata in gravi condizioni ed è piantonata in ospedale dalle forze dell’ordine. A scoprire il terribile accaduto è stato proprio il marito della donna e papà della piccola, appena tornato a casa dal lavoro per pranzo.

Vladimir, questo il suo nome, dapprima ha trovato Lisa, la figlia, in una pozza di sangue, poi ha visto la moglie agonizzante. Sotto choc, l’uomo, ha subito chiamato l’ambulanza nella speranza vana di riuscire a salvare la figlia, che però purtroppo all’arrivo dei paramedici era già morta. Per lei non c’è stato nulla da fare. Dalle analisi condotte sul cadavere la piccola vittima, Lisa è deceduta dopo essere stata colpita più volte a martellate in testa. (Continua dopo la foto)






Anche la mamma, Natalia Petunina, è stata subito soccorsa: è ancora ricoverata in ospedale in gravi condizioni. Il dramma si è consumato a Kirovgrad, in Russia. Secondo quanto riporta il Sun, Natalia si è accanita su Lisa, 3 anni, venerdì scorso, 16 ottobre, dopo aver assunto una dose massiccia di antidepressivi mentre erano da sole nel loro appartamento. (Continua dopo la foto)






Il portavoce della polizia Valeriy Gorelykh ha detto ai media locali che dopo l’aggressione, “rendendosi conto di quello che aveva fatto, la madre ha cercato di togliersi la vita”. Ma “non ha portato a termine il suo piano perché suo marito è tornato a casa dal lavoro per pranzare e poi ha chiamato i servizi di emergenza” .(Continua dopo le foto)



 


La polizia ha aperto un’indagine anche se la ricostruzione dei fatti appare abbastanza chiara. Gli esami tossicologici svolti sulla donna, i cui parenti hanno confermato che soffriva di depressione e che assumeva antidepressivi, hanno accertato l’ingestione di una dose molto superiore a quella che assumeva abitualmente e questo potrebbe spiegarne l’impeto omicida. La donna è ora indagata e rischia una condanna fino a 20 anni di carcere.

Giovane mamma sbranata dai cani mentre passeggia. Aveva 36 anni, lascia 4 figli

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it