Come in un film horror: uccide l’amante della moglie e la costringe a decapitarlo


Uccide l’amante della moglie e costringe la donna a decapitarlo. Ora l’uomo, Armando Barron, 30 anni, si trova in carcere con l’accusa di omicidio e violenza domestica. La polizia ha ritrovato il corpo martoriato della vittima nei boschi del New Hampshire martedì scorso, il 22. L’arrestato avrebbe, secondo quanto scoperto dalla polizia, ammazzato con una pistola il proprio rivale in amore, collega della moglie Britany Barron.

È stata proprio la donna, residente nel New Hampshire, negli Stati Uniti, a raccontare agli agenti di polizia i macabri particolari dell’omicidio compiuto dal marito. Dopo averle ordinato di uccidere il suo amante, Jonathan Amerault, 25 anni, la donna si è rifiutata e lui ha premuto il grilletto. Come racconta il Keene Sentinel, Armando ha aggredito Amerault la notte tra il 19 e 20 settembre. (Continua a leggere dopo la foto)






Al rifiuto di Brittany di sparare all’amante, Armando la premuto il grilletto ordinando alla moglie di decapitarlo, cosa che poi ha fatto sotto minaccia. “Quando non gli ha sparato, Armando le ha tolto la pistola di mano”, si legge nella dichiarazione della donna riportata dal Sentinel. Due dei colpi hanno colpito Amerault al petto e uno lo ha colpito alla testa. (Continua a leggere dopo la foto)






Secondo un comunicato stampa della Polizia di Stato, Amerault, che lavorava presso la società di forniture mediche Teleflex Medical OEM, è stato dichiarato scomparso lunedì mattina dopo che non si era presentato al lavoro. Armando in seguito ha fatto in modo che Britany inviasse messaggi a persone care e amici, dicendo che si sarebbe trasferita nel New Mexico. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Dopo il ritrovamento del corpo decapitato la donna, che era stata picchiata dal marito, si è rivolta alla polizia per accusare l’uomo del terribile omicidio. In seguito gli agenti hanno trovato anche la testa dell’amante di Brittany, sepolta non troppo lontano dal ritrovamento del corpo.

“Perché urlavano il nome Andrea”. Omicidio Daniele ed Eleonora: la scoperta

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it