Bimba di 5 anni rapita, stuprata e uccisa: il corpo bruciato e gettato tra i rifiuti


Rapita, violentata e poi uccisa. È successo in Pakistan, dove Una bambina di cinque anni residente nella città di Karachi è stata vittima di estrema violenza.

Secondo quanto riportano i media locali, venerdì la bambina è uscita a comprare dolci e non è mai tornata a casa. A dare l’allarme la famiglia. Dopo poche ore la terribile scoperta: Marwa è stata trovata morta, semicarbonizzata, in mezzo ai rifiuti non lontano da casa sua. (Continua a leggere dopo la foto)






Le indagini hanno rivelato che la ragazza è stata “aggredita sessualmente” ed è stata uccisa con brutali colpi alla testa. Il corpo è stato infine bruciato al fine di cancellare le tracce di DNA e le impronte dell’assassino. Ma c’è un sospetto che ora si trova in stato di fermo dalla polizia. (Continua a leggere dopo la foto)






La famiglia di Marwa appartiene alla minoranza Pashtun ed era migrata a Karachi dalla provincia di Khyber, al confine con l’Afghanistan. L’hashtag #JusticeforMarwa sta girando sui social pakistani, dove si chiede a gran voce l’impiccagione per i responsabili. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Secondo un recente rapporto dell’Ong di difesa dell’infanzia Sahil, almeno 13 ragazzini e 12 ragazzine sono stati violentati e uccisi a Karachi nei primi sei mesi del 2020, alcuni addirittura dopo stupri di gruppo.

“Mi vuoi sposare?”. Chiede la mano alla sua fidanzata poi muore annegato dopo pochi minuti

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it