“Le ho scritto ‘ti amo’ ma non ha mai risposto”. Muore d’infarto a 21 anni mentre partorisce la loro bambina


Una ragazza di 21 anni che “non vedeva l’ora di conoscere sua figlia” è morta mentre i medici si affrettavano a salvare la vita del suo bambino con un taglio cesareo. Samantha Thomas, di Meir, Staffordshire, era incinta quando è stata portata in ospedale con dolori al petto nelle prime ore del mattino.

I medici hanno fatto un cesareo d’urgenza per salvarelapicola, ma Samantha è morta prima che avesse la possibilità di conoscere la piccola che si chiama Zara. Ora i suoi cari hanno lanciato una pagina di raccolta fondi per aiutare a pagare il suo funerale. L’amico intimo Andi Wall, che ha parlato a nome della famiglia di Samantha, ha detto: ‘Sam era un’adorabile giovane donna piena di vita. Era molto divertente e premurosa. Era così entusiasta di conoscere la sua bambina. È stato uno choc”. (Continua a leggere dopo la foto)






“Non era in travaglio ma i medici si sono adoperati per salvare lasua piccola. Hanno fatto un taglio cesareo d’emergenza perché era quasi arrivata al temine della gravidanza”. Andi ha detto che la famiglia di Samantha è “scioccata” e “sconcertata” da quello che è successo, spiegando: “Era lì da sola. La famiglia non sa davvero cosa sia successo, ma sembra sia stato un infarto”. (Continua a leggere dopo la foto)






‘Sono scioccati, scossi e sconcertati. Se avessero delle risposte potrebbe essere d’aiuto. – ha continuato l’amico di Samantha – La piccola Zara sta bene, è perfetta come la sua mamma e crescerà sapendo quanto è stata amata”. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Samantha lascia la figlia e il marito. Nel corso della notte lei e il compagno si sono mandati una serie di messaggi, poi il 22enne preoccupato dall’assenza di risposta è andato in ospedale dove i medici gli hanno detto che era morta. L’ultimo messaggio che le ha scritto il 22enne è stato “ti amo Sammy”, ma lei è morta prima di poterlo leggere.

“Querelato!”. Furia Giancarlo Magalli. Il conduttore passa all’attacco e spiffera tutto

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it