“Mamma e papà sono morti?”. Choc in autostrada. Quando arrivano i primi soccorsi li trovano così: i tre fratellini nell’auto, immobili. Ma i genitori erano là fuori… “Una scena terribile”


 

Pochi giorni fa in Florida, precisamente su un’autostrada della Florida, è stata avvistata un’automobile ferma al lato della strada con le luci di emergenza accese. L’avvistamento è stato subito segnalato alla polizia che è andata a controllare cosa fosse successo, trovando all’interno della macchina tre bambini di età compresa fra i quattro mesi e gli otto anni, tutti e tre sani. Ma la scoperta più macabra è stata quella dei genitori, trovati incoscienti su un terrapieno, vicino all’automobile. Quando l’agente li ha trovati ha subito allertato il 911 e la coppia è stata trasportata d’urgenza in ospedale. I due sono stati identificati come Daniel Kelsey, 32 anni e Heather Kelsey, 30 anni, di Ormond Beach. Il ritrovamento è avvenuto sull’interstatale 4, vicino DeLand, verso le 2.08 di sabato mattina. Purtroppo per la coppia non c’è stato nulla da fare, i due genitori erano morti e non è stato possibile rianimarli. (Continua a leggere dopo la foto) 







Ora la polizia in Florida si sta occupando delle loro morti e le ha definite inspiegabili ma non sospette. Gli amici dei Kelseys, devastati, dicono che la coppia stava “andando alla grande” di recente, tutti sono rimasti sconvolti dalla tragedia. Un’autopsia è ora in corso per stabilire le cause della morte della coppia, ma la polizia è convinta che nella faccenda non ci sia nulla di sospetto. Nel frattempo i bambini sono stati trasferiti all’ospedale di Halifax a Daytona Beach, per precauzione.

(Continua a leggere dopo le foto) 




 


 

I servizi sociali aspettano di poter incontrare i piccoli per poter dare una mano con il caso, mentre continuano le indagini. Jerrel Jackson, un amico di Daniel, di Port Orange, ha detto al News Journal: “Sono cresciuto insieme a Daniel. Sabato era il suo 32esimo compleanno, posso solo dire che Dan era un padre amorevole e devoto, che avrebbe fatto di tutto per i suoi figli. Gli volevo bene come a un fratello… ogni volta che lo vedevo, vedevo anche i suoi figli. Non ho idea di cosa possa essere successo sabato mattina, ma è incredibile. È tutto così irreale.”

Leggi anche:  “Qualcuno mi aiuti, vi prego”. Seduto al bancone del suo locale, si infila in tasca quell’oggetto come ogni giorno, ignaro del pericolo. All’improvviso, però, ecco scoppiare il panico

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it