“Mamma e papà sono morti?”. Choc in autostrada. Quando arrivano i primi soccorsi li trovano così: i tre fratellini nell’auto, immobili. Ma i genitori erano là fuori… “Una scena terribile”


 

Pochi giorni fa in Florida, precisamente su un’autostrada della Florida, è stata avvistata un’automobile ferma al lato della strada con le luci di emergenza accese. L’avvistamento è stato subito segnalato alla polizia che è andata a controllare cosa fosse successo, trovando all’interno della macchina tre bambini di età compresa fra i quattro mesi e gli otto anni, tutti e tre sani. Ma la scoperta più macabra è stata quella dei genitori, trovati incoscienti su un terrapieno, vicino all’automobile. Quando l’agente li ha trovati ha subito allertato il 911 e la coppia è stata trasportata d’urgenza in ospedale. I due sono stati identificati come Daniel Kelsey, 32 anni e Heather Kelsey, 30 anni, di Ormond Beach. Il ritrovamento è avvenuto sull’interstatale 4, vicino DeLand, verso le 2.08 di sabato mattina. Purtroppo per la coppia non c’è stato nulla da fare, i due genitori erano morti e non è stato possibile rianimarli. (Continua a leggere dopo la foto) 



Ora la polizia in Florida si sta occupando delle loro morti e le ha definite inspiegabili ma non sospette. Gli amici dei Kelseys, devastati, dicono che la coppia stava “andando alla grande” di recente, tutti sono rimasti sconvolti dalla tragedia. Un’autopsia è ora in corso per stabilire le cause della morte della coppia, ma la polizia è convinta che nella faccenda non ci sia nulla di sospetto. Nel frattempo i bambini sono stati trasferiti all’ospedale di Halifax a Daytona Beach, per precauzione.

(Continua a leggere dopo le foto) 


 


 

I servizi sociali aspettano di poter incontrare i piccoli per poter dare una mano con il caso, mentre continuano le indagini. Jerrel Jackson, un amico di Daniel, di Port Orange, ha detto al News Journal: “Sono cresciuto insieme a Daniel. Sabato era il suo 32esimo compleanno, posso solo dire che Dan era un padre amorevole e devoto, che avrebbe fatto di tutto per i suoi figli. Gli volevo bene come a un fratello… ogni volta che lo vedevo, vedevo anche i suoi figli. Non ho idea di cosa possa essere successo sabato mattina, ma è incredibile. È tutto così irreale.”

Leggi anche:  “Qualcuno mi aiuti, vi prego”. Seduto al bancone del suo locale, si infila in tasca quell’oggetto come ogni giorno, ignaro del pericolo. All’improvviso, però, ecco scoppiare il panico