Tradito da quello che amava di più. Pierluigi era scomparso il giorno di Natale gettando la sua famiglia nello sconforto. Poi le ricerche, la sua macchina abbandonata e il silenzio. Oggi arriva la tragica notizia


 

Di Pierluigi Macchi si erano perse le tracce nel giorno di Natale. Il 68enne di Cassano Magnago, comune in provincia di Varese, si era perso tra i monti di San Nazzaro in Val Cavargna nel Comasco. Da quando i familiari hanno lanciato l’allarme non vedendolo tornare dalla sua passeggiata in montagna, sono scattate le ricerche. Dov’è Pierluigi Macchi? Questa la domanda che si sono posti conoscenti e famigliari del 68enne di Cassano Magnago, scomparso dal giorno di Natale nella zona tra Lecco e Alto Lario. L’uomo aveva raggiunto la zona per un’escursione in montagna ma poi di lui si sono perse le tracce. Il figlio Andrea stava cercando il padre e ancora più la sua macchina, una Yaris targata DP797MW il cui ritrovamento avrebbe permesso di individuare la zona in cui concentrare le ricerche dell’uomo. Oggi, la tragica notizia su questo drammatico caso: scomparso a Natale e ritrovato l’ultimo dell’anno. (Continua a leggere dopo la foto)



La zona in cui Macchi è scomparso è stata individuata in base alla cella a cui si è agganciato il suo cellulare il giorno di Santo Stefano che è quella di Mandello. “Se qualcuno ha visto la macchina – aveva detto il figlio Andrea – ci contatti o chiami i carabinieri di Mandello. Appena sarà possibile circoscrivere l’area di ricerca potranno entrare in azione anche le squadre del Soccorso alpino. Penso che mio padre possa avere avuto un incidente in montagna. Vogliamo ritrovarlo”. Le ricerche sono terminate ieri con il ritrovamento del corpo senza vita dell’uomo sul monte Pizzo di Gino.

(Continua a leggere dopo le foto)


 

Si ipotizza che sia inciampato per poi cadere per diverse decine di metri, morendo nell’impatto. Il ritrovamento dell’auto in Val Cavargna ha permesso di restringere l’area delle ricerche, proseguite senza sosta da parte del soccorso alpino con l’ausilio di un elicottero dei vigili del fuoco. Dopo il ritrovamento il corpo del 68enne è stato recuperato da un elicottero del 118, che lo ha trasportato fino all’ospedale Sant’Anna di Como dove sarà eseguita l’autopsia, come disposto dal magistrato.

 

Ti potrebbe interessare anche: ”Arriva la cometa di Capodanno!”. Un evento sensazionale per salutare il 2016: altro che fuochi d’artificio, ci pensa la natura! Vi diciamo noi quando alzare gli occhi al cielo