Gli occhi pieni di luce e un sorriso travolgente. Rahma aveva raccontato al mondo la sua commovente storia: una malattia sconosciuta che la costringeva a vivere in una bacinella, la povertà e l’amore della sua famiglia. Ora arriva la terribile notizia


 

”Ringrazio Dio per tutto quello che riesco a fare. Mi piacerebbe aprire un business, un negozio di alimentari: è questo che vorrei fare”. Solo qualche mese fa Rahma Haruna pronunciava queste parole davanti ai giornalisti che poco dopo avrebbero riportato la sua storia. Ma il suo resterà solo un sogno, perché la giovane è morta il giorno di Natale proprio a causa della sua malattia. La ragazza viveva in un villaggio povero della Nigeria e i genitori non avevano i soldi per comprarle un mezzo degno per i suoi spostamenti. Per questo Rahma veniva spostata in una bacinella di plastica, in una di quelle normalissime bacinelle che si usano per lavare i panni. La 19enne soffriva di questa malattia rarissima che l’ha colpita quando aveva sei mesi. Da quel momento il suo corpo aveva smesso di crescere e Rahma aveva solo sviluppato il cranio. Come scriveva il Dailymail, ”tutto è cominciato con febbri e dolori fortissimi allo stomaco e nessuno è stato in grado di risolvere il problema. Ancor oggi il minimo movimento degli arti le provoca grandi sofferenze”. (Continua a leggere dopo la foto)



“La mia famiglia mi aiuta e mi dà tutto quello di cui ho bisogno” – spiegava al Dailymail. Il fratellino di 10 anni la lavava e la porta fuori di casa tutti i giorni. La famiglia è molto povera e in passato il padre ha speso tutti i suoi averi per farle tutte le visite del caso. Visite che sono risultate inutili perché nessun medico è mai riuscito a capire e soprattutto a guarire la ragazza. ”La mia famiglia mi aiuta tanto – raccontava la ragazza – Come fanno? Mi danno tutto quello di cui ho bisogno”. E lo fanno a costo di qualunque sacrificio: il padre Hussaini, un agricoltore, ha trascorso 15 anni alla ricerca disperata di una cura per la figlia, lavorando il più possibile per racimolare i soldi necessari per pagare le spese sanitarie e i medici, arrivando a vendere tutto quello che aveva.

(Continua a leggere dopo la foto)


 


 

Fino a quando non gli è rimasto più nulla. I medici finora contattati sono rimasti tutti sconcertati dalle condizioni della ragazza, alcuni di loro hanno addirittura tirato in ballo la possibilità che fosse stata colpita da un jinn, un essere soprannaturale della mitologia islamica. Dopo che la vicenda era diventata di dominio pubblico, la famiglia di Rahma iniziava a ricevere aiuti da parte di diverse persone. Purtroppo le complicazioni della malattia della giovane non le hanno lasciato scampo e la notte di Natale si è arresa.

Prima di morire e lasciare per sempre questa bellissima bimba, scrive una commovente lettera che sua figlia non leggerà mai. “Ti proteggerò per sempre da lassù”, aveva detto. E 15 anni dopo, incredibilmente, accade un miracolo. Un