“Gli avete tagliato il pene! Cosa avete fatto?!”. Il bambino di soli 10 anni entra in ospedale per un banale intervento, ma quello che succede in sala ha dell’incredibile. La rabbia dei genitori


 

Doveva trattarsi di un’operazione semplice e invece per questa famiglia l’ingresso in clinica si è trasformato in un incubo a occhi aperti, a causa dell’incredibile incompetenza del personale della struttura che ha messo a rischio la salute del giovanissimo paziente e ha rischiato di rovinargli per sempre la vita. Un caso davvero terribile quello pubblicato sulle pagine del Daily Mail e che ha infiammato un’accesa polemica tra gli utenti. Tutto è successo in Malesia, in un centro vicino alla capitale Kuala Lumpur. Il bambino di soli 10 anni è entrato, accompagnato dai parenti, per sottoporsi a una circoncisione di routine. Ma le cose non sono andate per il verso giusto e, attraverso il laser, i dottori hanno erroneamente amputato una parte del pene del ragazzo. Subito il paziente è stato trasportato in un ospedale più attrezzato, dove per fortuna i medici sono riusciti a riattaccare la parte mancante in maniera miracolosa, regalando così allo sfortunato protagonista un lieto fine. (Continua a leggere dopo la foto)








La vicenda ha però scatenato una lunga serie di accuse, e ha visto il padre del giovane puntare il dito contro la struttura, che si è poi scoperta non essere mai nemmeno stata registrata. Le autorità stanno ora indagando sull’accaduto, anche se confermano che il ministero della salute della Malesia non aveva mai sentito parlare della clinica e si dicono pronte a prendere pesanti provvedimenti. (Continua a leggere dopo la foto)





 

Il medico che ha operato il ragazzino vanta comunque un’esperienza ventennale, e pare che non abbia mai commesso errori di questo tipo in precedenza. Dal suo canto, un portavoce della struttura ha ammesso l’incidente, spiegando che è accaduto nel corso di un intervento, ma ha sottolineato che la clinica ha 15 anni di esperienza durante i quali nessun paziente si è mai lamentato del trattamento ricevuto.

“Correte, il bambino sta morendo!”. Un attimo di distrazione e il piccolo di 2 anni appena rischiava di morire per colpa di un pezzetto di cibo o almeno così sembrava, perché quando arrivano in ospedale qualcosa non convince i medici e il padre…

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it