“Mia figlia mi ha insegnato che la felicità resiste al dolore”. Ricorderete il viso e la storia di questa madre e della sua bambina, protagoniste di un grande atto di solidarietà. Il finale della loro storia vi lascerà l’amaro in bocca


 

Forse ricorderete il viso di questa madre, protagonista pochi giorni fa di uno dei miracoli più belli di Natale. Michela Lorenzin, operaia alla Brenta Pcm, era madre di una bambina di 6 anni affetta da tetraparesi spastica, con bisogno di assistenza continua. Michela aveva però finito tutti i permessi di lavoro e non poteva più stare a casa con la sua Nicole, così i colleghi di lavoro avevano deciso di farle un fantastico regalo di Natale: ognuno di loro aveva ceduto le proprie ferie a Michela, permettendole di rimanere a casa per ben cinque mesi. La voce si era poi diffusa in tutta l’azienda e sempre più colleghi avevano aderito all’iniziativa di solidarietà, cosicché le ferie a disposizione di Michela erano salite addirittura a dieci mesi. La storia di Michela e dei suoi colleghi aveva fatto il giro dell’Italia come un fantastico esempio di generosità e solidarietà. Purtroppo però quello che sembrava essere un “happy ending” non si è concluso così. (Continua a leggere dopo la foto) 







 

Resta l’amaro in bocca a chi si era commosso per quello che sembrava un miracolo di Natale. La notte tra giovedì e venerdì scorsi la piccola Nicole ha avuto una delle sue crisi. “Gli allarmi non hanno mai smesso di suonare dalle 2 alle 6 di mattina” racconta Michela. Poi sono arrivati i medici da Padova. Speravano tutti che la bambina riuscisse a passare le feste a casa, ma sabato sera questa speranza si è spenta. Tra le braccia della madre che da sempre si prendeva cura di lei, la sera della vigilia di Natale, Nicole ha smesso di respirare.

(Continua a leggere dopo le foto) 





 

“Ti amerò per sempre – scrive Michela su Facebook – un giorno ci incontreremo”. Ai funerali della bambina, che si terranno oggi a Marostica, saranno presenti i compagni d’asilo e i colleghi della mamma che, tenace come è sempre stata, non si arrende: “Nicole mi ha insegnato che la felicità resiste anche con il dolore” e nonostante il finale drammatico, la storia di Nicole e dei suoi genitori ci mostra fin dove l’amore e la solidarietà possono arrivare.

Leggi anche:  Prima di morire e lasciare per sempre questa bellissima bimba, scrive una commovente lettera che sua figlia non leggerà mai. “Ti proteggerò per sempre da lassù”, aveva detto. E 15 anni dopo, incredibilmente, accade un miracolo. Un

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it