“Sei un mostro. Sembri il gobbo di Nôtre Dame!”. Fin da bambina viene insultata in ogni modo a causa del suo particolare aspetto fisico. È disperata, scontenta e vuole solo morire. Non ne può più. Poi arriva la drastica decisone che ha cambiato tutto


 

Per una giovane donna l’aspetto è importante, certo non è la cosa che più conta nella vita, ma come non tenerne conto? Questo lo sa bene Rebecca Dann, una ragazza britannica di 22 anni che sin da quando era una bambina, è stata sotto l’occhio critico di molti per via del suo corpo. Rebecca, infatti, soffre di cifoscoliosi, una malattia che causa delle curvature anomale nella parte superiore della spina dorsale. Aveva quattro anni, quando le è stata diagnostica e non aveva certo idea di come le avrebbe cambiato la vita. E non solo per il dolore fisico, ma anche per il trattamento ricevuto a scuola dagli altri bambini. Rebecca era una diversa per cui spesso veniva esclusa, i coetanei la chiamavano “il gobbo di Nôtre Dame”. La malattia ha gettato un’ombra sulla sua infanzia e purtroppo un’operazione sarebbe stata troppo pericolosa, dal momento che Rebecca era molto minuta. E come se la sua vita non fosse già complicata, all’età di nove anni, Rebecca ha scoperto che la sua malattia avrebbe danneggiato anche i nervi, impedendole di camminare. Sarebbe presto stata costretta su una sedia a rotelle. (Continua a leggere dopo la foto)

 

Today was amazing! How I started vs how I ended #imfine #f38

Una foto pubblicata da beckydann (@beckydann) in data: 29 Feb 2016 alle ore 11:04 PST

Nonostante tutto quello che la ragazza ha sofferto, Rebecca non ha mai accettato che la sua malattia prendesse il controllo della sua vita. Dopo aver terminato la scuola, ha inseguito il sogno di diventare una fotografa. Ha iniziato i suoi studi di arte a Farnham e si è focalizzata su un tema a lei molto caro: l’ignoranza e l’atteggiamento sprezzante che regnano sulle disabilità. La ragazza ha così realizzato un incredibile progetto fotografico mettendosi al centro della scena. Rebecca ha chiamato il progetto “I’m Fine” (letteralmente “sto bene”) — una serie di autoritratti nei quali mostra il suo corpo, compresa la schiena, con orgoglio. 

(Continua a leggere dopo le foto)

 

 

Test shoot for #F38 exhibition coming up @f38exhibition #vsco #vscocam

Una foto pubblicata da beckydann (@beckydann) in data: 19 Feb 2016 alle ore 13:16 PST

 

“Ho iniziato esplorando il rapporto con la disabilità ed è finito per essere un lavoro grazie al quale ho accettato la mia diversità”, ha spiegato la ragazza. “È un modo per mettere alla prova la percezione della gente su bellezza e disabilità. Inoltre, dicendo alla gente che ‘sto bene’ li rassicuro sul fatto che sono esattamente come tutti gli altri”. Così ha presentato il suo progetto a un concorso chiamato “A World of Unfairness”, vincendo il primo premio. Il suo coraggio è stato premiato inoltre con un ulteriore riconoscimento. “Non guardate me e la mia schiena per tenermi lontana. Sono esattamente come voi!” ricorda Rebecca. 

Ti potrebbe interessare anche: ”È malata, ha la sifilide”. La dichiarazione è pesante e arriva proprio da ”lui”. Lei non vorrebbe far sapere nulla ma, in rete, ci sono i video. La rivelazione bomba che ha fatto preoccupare il mondo intero