Coronavirus: positivi al Covid, muoiono a 6 minuti di distanza l’uno dall’altra


Quella che vi stiamo per raccontare è la terribile storia di due sposi. Nel giro di 6 minuti Stuart e sua moglie Adrian, sposati da oltre 51 anni, sono andati via mano nella mano, nella stessa stanza d’ospedale. “Viviamo in un mondo in cui spesso pensiamo, non può succedere a me, non può succedere a noi, non può succedere alla mia famiglia. Beh, a noi è successo”, comincia così il commovente appello lanciato su Twitter da Buddy Baker, preceduto dal triste annuncio: “I miei genitori, positivi al COVID-19, non ce l’hanno fatta”.

La coppia di pensionati della Florida aveva sviluppato una lieve polmonite che nel giro di due settimane, purtroppo, è degenerata nel peggiore dei modi. Dopo la tragica scomparsa il figlio della coppia ha deciso di mandare un messaggio rivolto a ognuno di noi, un invito alla responsabilità, a non arrendersi: “Vorrei usare questo momento per far capire alle persone che è giunta l’ora di cambiare”. (Continua a leggere dopo la foto)









E ancora: “Le autorità ci dicono quello che dobbiamo fare, ma non sono sicuro che tutti ne comprendano davvero l’importanza. Spero che questa possa essere l’occasione per un cambiamento. Mettete in pratica la distanza sociale, lavate le mani regolarmente, e come detto, restate a casa. Qualcosa di terribile e tragico che ha colpito la mia famiglia forse può salvare la vita a qualcun altro”. (Continua a leggere dopo la foto)








E continua: “A volte le persone, sopratutto i giovani, la prendono alla leggera, si sentono invincibili, ma non è questo il caso. Non è una scelta facile che dobbiamo fare, ma quella giusta, la scelta sicura. Adesso ci annoiamo, restiamo a casa e non possiamo vivere appieno la vita, ma è necessario per aiutare a combattere e fermare la diffusione di questo virus orribile”. (Continua a leggere dopo la foto)

 


Alla fine conclude: “Spero che quello che è successo a noi e alla nostra famiglia, possa ispirare altri a essere d’esempio e unirsi per prendere la decisione giusta e più impegnativa. Sarà necessario rimanere tutti uniti per scegliere davvero di fermare la diffusione di questo virus”. Una vicenda che fa accapponare la pelle.

Ti potrebbe anche interessare: Coronavirus, negozi chiusi a Pasqua e Pasquetta: la decisione del sindaco

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it