“A Natale saranno tutte tre con noi…”. Le povere piccole sembravano spacciate, ma ecco cosa è successo dopo


 

Il loro peso alla nascita era di nemmeno 2 chili e mezzo, tre piccole sorelline che insieme pesavano quanto un solo neonato. Sono nate con 14 settimane di anticipo e si chiamano Poppie, Mollie ed Evelyn, hanno combattuto per le loro vite in ospedale per i primi due mesi dalla loro nascita e Rachel e Steven Park, i loro genitori, erano preoccupatissimi. Giorno dopo giorno, era sempre un ‘se’. “Erano così piccole che il mio mignolo era più grande delle loro gambe – ricorda il padre, Steven, di 37 anni – i medici non ci hanno mai detto che stavano bene, ma solo che la situazione andava valutata giorno per giorno. La mamma, Rachel, di 39 anni aggiunge: “Ricordo che il dottore ci disse che non potevamo fare altro che aspettare, che loro dovevano combattere da sole per sopravvivere”. I due genitori avevano già immaginato il loro primo Natale come una famiglia felice, come avevano sempre desiderato. Invece le piccole sono nate inaspettatamente molto prima, a marzo, a sole 26 settimane di gravidanza. “A sei settimane ho scoperto di essere incinta” – dice Rachel – al primo controllo i dottori hanno sentito due battiti, quindi ci aspettavamo dei gemelli”. Invece, due settimane dopo, la scioccante notizia: i ‘gemelli’ erano in realtà tre bambini. All’inizio sembravano in salute e la coppia era eccitata all’idea di creare una famiglia. Poi, dopo il quinto mese, Rachel iniziò ad avere la pressione alta, segno di una potenziale pre-eclampsia fatale. (Continua a leggere dopo la foto)







A 24 settimane di gravidanza la futura mamma venne mandata all’ ospedale Royal Victoria per delle cure specialistiche. “I dottori mi dissero che i miei bambini sarebbero stati al sicuro solo fuori da me”. Rachel fece così un cesareo di urgenza. “Era tutto così confuso. Volevo solo che loro uscissero per poter sapere che stavano bene”. Dopo ciò la neo mamma non vide le sue figlie per tre giorni. È Steven a ricordare la loro nascita: “C’era così tanta gente in quella stanza. Mi hanno fatto toccare Poppie e l’ho baciata sulla testa. É stato veramente emozionante. Loro erano così fragili.” Dopodiché le hanno messe in delle incubatrici. Erano molto malate, soprattutto Evelyn e Mollie.La Sick Children’s Trust ha supportato Rachel e Steven con un alloggio mentre le bambine erano in ospedale.

(Continua a leggere dopo le foto)





 

Sono passati due mesi prima che i dottori iniziassero a parlare di quando le bambine sarebbero potute andare a casa. I genitori iniziarono a passare del tempo con le loro bambine quando finalmente vennero messe in una culla insieme. Steven sorridendo dice: “Incontrarle tutte insieme per la prima volta è stato strano per noi”. Ora finalmente le bambine sono tutte a casa. La prima a tornare è stata Poppie, seguita da Mollie due settimane dopo. Poi le raggiunse anche Evelyn. Steven dice: ”Noi stiamo semplicemente seduti sul divano pensando ‘loro sono la nostra famiglia’. È incredibile, non avremmo mai immaginato di riaverle tutte e tre per Natale. Loro sono l’unico regalo di Natale che vogliamo”.

Ti potrebbe anche interessare: “Non ci credo, sono proprio loro!”. Chi non ricorda Fred e George, i gemelli Weasley di Harry Potter? Capelli rossi, sempre intenti a pianificare qualche scherzo, sono tra i personaggi più famosi della saga. Oggi, ecco come sono diventati i due attori

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it