“Muori…”. “Se ne stava lì, non faceva nulla mentre stavo bruciando”. Una violenza assurda, che ha scatenato la furia di un mostro, che ha rovinato per sempre la vita di questa splendida ragazza. L’ha ridotta in un modo inimmaginabile


 

Una storia d’amore ha alti e bassi e quando va male, la cosa migliore è darci un taglio e ricominciare da capo. Anche per Judy Malinowski, una donna di 33 anni dell’Ohio (Usa) madre di due bambine, doveva essere così, ma le cose sono andate diversamente e lei non avrebbe mai immaginato di andare incontro a una tragedia di dimensioni assurde. La donna era fidanzata con il 41enne Michael Slager con cui aveva diversi problemi, le liti erano sempre più frequenti, tanto che Judy aveva seriamente preso in considerazione l’idea di lasciarlo, fino a quel maledetto 2 agosto del 2015, quando dopo l’ennesima discussione ha preso una tanica di benzina, gliel’ha gettata addosso, quindi le ha dato fuoco procurandole ustioni gravissime su tutto il corpo e, ad oggi, una degenza in ospedale lunga 16 mesi. Michael sosteneva di amarla e che non poteva vivere senza di lei e per questo motivo qualcosa di orrendo è scattato nella sua testa, qualcosa che gli ha fatto penare: “o con me, o con nessuno”. Il modo con cui si sono svolti i fatti ha dei tratti da fil horror, solo che per la povera Judy è stata realtà, una verità di cui porterà i segni per sempre. (Continua a leggere dopo la foto)



Il giorno dell’aggressione, la ragazza e il suo compagno erano fermi a un distributore di benzina quando, per futili motivi, lui ha afferrato l’erogatore, le ha gettato del carburante addosso e le ha dato fuoco: “Se ne stava lì, non faceva nulla mentre io bruciavo viva”, ha raccontato la donna. Durante il processo Slager ha sempre sostenuto che si è trattato di un incidente e che erroneamente stava solo fumando una sigaretta quando una scintilla ha colpito i vestiti, bagnati di benzina, della donna. Versione dei fatti decisamente inverosimile, che il Judy Lynch ha respinto decisamente commentano: “Non ci sono parole per descrivere una persona come te, Mr Slager. Credo tu sia un uomo senza anima”.

(Continua a leggere dopo le foto)



 

Michael è stato accusato di aggressione aggravate e a suo carico è iniziato un processo al quale, purtroppo, Judy, a causa delle sue gravi condizioni di salute, non ha avuto modo di testimoniare. Intervistata dai media statunitensi, ha sostenuto che la pena inflitta a Slager – di 11 anni di carcere – sia in realtà troppo lieve se messa a confronto con quello che lei è stata costretta a vivere: si appresta infatti ad essere sottoposta al 52esimo intervento chirurgico: “Non avrei mai creduto che un essere umano potesse fare tanto male a un altro essere umano”, ha detto la donna.

Ti potrebbe interessare anche: “Sì, l’ho ammazzata io. Ecco perché “. A sei mesi dal giorno in cui bruciò viva la ex fidanzata 22enne, parla Vincenzo Paduano, l’assassino di Sara. Parole terribili e un dolore che non si placa