”È enorme”. Incinta di due gemelline, a 18 settimane, tutta emozionata va a fare l’ecografia di routine ed è allora che il medico le comunica una notizia sconvolgente. E tutto cambia


 

Le sue gemelline Annabelle e Ruby erano nel suo pancione. Poi Jayne Sefton, 26 anni, ha scoperto che avevano un problema: una delle due cresceva il doppio dell’altra. I medici le hanno spiegato meglio: si tratta della sindrome da trasfusione feto-fetale  (TTTS, acronimo in lingua inglese per twin-to-twin transfusion syndrome o FFTS per feto-fetal transfusion syndrom). In una simile condizione, la placenta viene divisa in modo iniquo tra i due feti. E risulta fatale nel 90% dei casi. Ma il bello della storia di Jayne è che ha un lieto fine. Alla fine le due bimbe nascono della stessa dimensione. Ma Jayne lo scopre solo alla fine. ”Invece di andare in giro a comprare vestitini e completini per le mie bimbe, pensavo al loro funerale” ha spiegato la donna al Daily Mail. Ma facciamo un passo indietro. All’inizio della gravidanza, per la precisione all’ottava settimana, la donna inizia a sanguinare e teme che si tratti di una minaccia di aborto. In realtà è in quel frangente che scopre di essere incinta di 2 gemelle. Alla 18esima settimana, poi, arriva la triste notizia: una delle due bimbe cresce il doppio rispetto all’altra. Che, invece, è anemica e piccola. E rischia un attacco di cuore. Continua a leggere dopo la foto







Non si può fare nulla? Sì, qualcosa si può fare. E, visto che si tratta dell’unica alternativa, Jayne non esita. A 24 settimane si ricovera al King’s College Hospital di London dove viene sottoposta a un intervento delicato. Attraverso un raggio laser vengono spostati i vasi sanguigni della placenta così che entrambe le bambine ricevano gli stessi nutrimenti. Risultato: dopo neanche un’ora, la bimba più piccola recupera il 50% del suo peso. Dopo un periodo di tempo trascorso in ospedale per assicurarsi che le gemelline stiano bene, viene programmato un cesareo ma le bimbe nascono la notte prima del taglio. E nascono della stessa dimensione. Continua a leggere dopo le foto








 

 

”Da quando ho saputo che l’intervento era andato bene – ha raccontato la donna – ho iniziato a fare il conto alla rovescia in attesa del parto. Ora che le mie piccole sono nate e stanno bene io sono la donna più felice del mondo”. La sindrome che affliggeva le due bimbe uccide tantissimi bambini per questo l’intervento di successo che hanno subito le due gemelline, oltre a rimanere nella storia, è un punto di partenza fondamentale. Ciò che resta essenziale, comunque, è una diagnosi precoce che permette un intervento repentino.  

Leggi anche: “Abbiamo condiviso i momenti peggiori”. Pancione in bella vista, pubblica in rete uno scatto tenerissimo e usa parole “di panna” per augurare buon compleanno all’uomo della sua vita

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it