Tutto ha inizio con un mal di testa che, pian piano, si trasforma nella sensazione di avere il corpo paralizzato. poi, durante un incontro di lavoro sviene. A quel punto Dave viene ricoverato e viene fuori la scioccante verità…


 

Dave Tyler, un uomo di 45 anni di Brighton è andato dal parrucchiere per tagliarsi i capelli. Dopo qualche giorno, però, ha iniziato ad accusare dei malori. Ha iniziato ad aver mal di testa, poi ha iniziato a sentire il suo corpo quasi come fosse paralizzato. Fin quando non è svenuto durante un incontro di lavoro. Difficile, però, capire di cosa si tratti. Quando l’uomo viene ricoverato in ospedale, salta fuori l’agghiacciante verità. Si è trattato della cosiddetta ”sindrome da salone di bellezza”. Ovvero? La posizione della testa inclinata indietro aveva portato allo sviluppo di un coagulo sanguigno e quindi all’ictus, come hanno accertato i medici. La sindrome che ha colpito l’uomo – risarcito dal salone con 90.000 sterline – è rara e pericolosissima. Si verifica quando una delle principali arterie del collo viene allungata troppo fino a lacerarsi, portando a un blocco o coagulo sanguigno che limita l’afflusso di sangue al cervello. Una cosa seria che parte da qualcosa di banalissimo. Una roba spaventosa che può capitare un po’ a tutti. Continua a leggere dopo la foto








Dopo l’incidente, Tyler, che ha due figlie, è rimasto ricoverato in ospedale per tre mesi. Tuttora che è uscito, però, ha ancora forti dolori e non ha recuperato completamente: è costretto a usare un bastone per camminare e, a causa delle complicazioni, non è più in grado di guidare. Secondo la Stroke Association (Associazione Ictus inglese) il rischio di incorrere nella sindrome da salone di bellezza è molto basso, anche se la stessa si è verificata varie volte. Il primo ad adottare questo termine, nel 1993, fu il neurologo americano Michael Weintraub, che descrisse cinque diversi incidenti in donne tra i 54 e 84 anni, ricoverate in ospedale dopo che gli erano stati lavati i capelli dal parrucchiere. Continua a leggere dopo le foto

 





 

 

Un caso analogo si era verificato nel 2014 a San Diego: Elizabeth Smith, 8 giorni dopo la visita dal parrucchiere, aveva cominciato a sentirsi male. Solo un intervento d’urgenza l’ha salvata da morte certa. “All’inizio ero un po’ scettica sul fatto che fosse stato il lavaggio a provocare l’ictus – aveva raccontato Elizabeth a Buzzfeed – così ho chiesto alle mie amiche di chiedere ai loro parrucchieri ed è venuto fuori che l’80% dei saloni è al corrente della possibilità di ictus”. Ma allora come evitare questo incidente? Basta stare molto attenti alle sedie del lavaggio: se sono regolabili tutto ok, altrimenti non c’è da fidarsi. 

Leggi anche: ”Compro al mercatino dell’usato e vado dal parrucchiere una volta al mese”. Dopo le recenti dichiarazioni sulle vacanze, la famosa showgirl torna a parlare della sua situazione economica. E sì, è sempre lei…

 

 

 

 

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it