“Quando è nata ho iniziato ad avere pensieri tremendi”. Ha appena partorito la sua seconda figlia. Sembrava andare tutto bene, ma un male terribile la divorava dentro. Ha tentato di tutto per farcela, poi la drastica decisione


 

 

Avere un bambino è una delle più grandi felicità della vita. Una coppia innamorata che desidera aver un bebè, quando scopre che la gravidanza è avviata è veramente al settimo cielo. Solo che per la donna questo momento può nascondere molte sorprese e tutta la gioia del desiderio si può trasformare in dolore e tristezza. È quello che è successo a Suzanne Brack è una giovane mamma di 26 anni originaria di Dublino. La ragazza, dopo aver messo al mondo il suo secondo figlio, scivolata in uno stato d’animo terribile e, purtroppo comune a molte donne: è caduta in una violenta depressione post-parto che l’ha portata addirittura ad odiare i sui piccoli. Sì, quelli che aveva desiderato con tutto il suo cuore, a un certo punti si sono trasformati in un incubo. In particolare Suzanne se l’è presa con la sua bimba, l’ultima arrivata, perché (secondo la sua visione della vita in quel momento) le sottraeva troppo tempo e non le permetteva di stare vicino al primogenito Josh, a causa delle continue cure di cui ha bisogno un neonato. (Continua a leggere dopo la foto)







Per mesi Suzanne ha sofferto tantissimo, anche perché si sentiva spaesata e non riusciva proprio a capire cose le stesse accadendo. Quel rifiuto per la sua piccola, sapeva che era sbagliato, ma non sapeva come gestire la situazione. Ora la sua situazione è nettamente migliorata, tanto che si può dire che la 26enne sia guarita completamente e ha voluto condividere la sua storia su Facebook, con un lungo e intenso post pubblicato sul suo profilo. “Mi sento che dovrei condividere la mia storia e spero che possa essere utile a tutti i nuovi genitori là fuori”, ha scritto Suzanne . 

(Continua a leggere dopo le foto)





“Dopo alcune settimane dalla sua nascita – prosegue il post – ho iniziato a fare dei pensieri strani, negativi. Sentivo che lei e le continue cure che richiedeva stavano diventando come un lavoro per me: il suo costante grido lacerava la mia testa. Non avevo più voglia di uscire con lei, non avevo più voglia di vederla. Mi stavo ammalando”. Ma poi la svolta: “Piano piano ho iniziato ad affrontare la cosa diversamente e, anche grazie all’aiuto di uno psicologo, ho capito che si trattava di depressione post-partum. Ora sono guarita: amo i miei figli più di ogni altra cosa”, ha concluso Suzanne.

Ti potrebbe interessare anche: Posta la foto con il suo bimbo appena nato su Instagram e viene inondata di commenti. I fan notano un particolare veramente incredibile e subito iniziano a scriverle per sapere come ha fatto. Lei spiega per bene, ma non è un’impresa per tutti…

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it