Adorava i suoi bambini di 4 e 3 anni. Un giorno come tanti: la scuola, i compiti, i giochi e la felicità di vivere insieme. Ma adesso tutto questo è finito, per sempre. Quello a cui hanno assistito questi piccoli non ha senso


 

Quella di Jamie Leigh Twidale  era una bella famiglia. La ragazza aveva 24 anni e due splendidi bambini, Harley (4 anni) e Skyelar (3 anni), e insieme vivevano Hartlepool (Inghilterra). Era un giorno come tanti, la scuola, il pranzo per i suoi piccoli, poi i compiti e i giochi, l’inizio di una giornata come tante: la quotidianità di una famiglia serena. La giovane mamma soffriva di epilessia e da tempo era in cura, un male che la tormentava e che purtroppo le è stato fatale. Jamie, infatti, è morta improvvisamente e il grande male che l’affliggeva l’ha strappata alla vita e ai suoi due piccoli bambini. La ragazza è stata ritrovata senza vita proprio dai suoi piccoli che sono rimasti scioccati di fronte alla scena che si sono trovati davanti.

(Continua a leggere dopo la foto)








Un violentissimo attacco epilettico ha spezzato la vita di Jamie in una mattina come tante. Proprio i suoi bambini hanno trovato il corpo privo di vita della loro mamma, accasciata sulla vasca da bagno. La 24enne doveva accompagnare i bimbi a scuola e loro, non vedendola, si sono preoccupati e hanno iniziato a cercarla per casa, fino alla drammatica scoperta.

 

(Continua a leggere dopo la foto)




La nonna dei bambini Elizabeth Twidale ha raccontato come sono andate le cose: “Pensavano che la loro mamma stesse dormendo. La polizia ci ha detto che lei stava facendo un bagno e ha avuto un attacco epilettico proprio mentre stava svuotando la vasca: ecco perché l’hanno ritrovata lì vicino. Era una mamma speciale che viveva per i suoi figli”.  La sua famiglia ha creato anche una pagina Facebook per avviare una raccolta fondi per assicurare un futuro stabile ai due bimbi, Skyelar e Harley, rimasti senza una mamma che si prenda cura di loro.

Ti potrebbe interessare anche: Agghiacciante. “Sembra il film Benjamin Button” ma è molto più angosciante perché è la realtà. Ha 11 anni e, invece di crescere come le sue coetanee, sta tornando una neonata. La sua storia scioccante

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it