“Aiuto, non riesco a trattenermi…”. Nel bel mezzo di un delicato intervento, un paziente in sala operatoria inizia a soffrire di disturbi intestinali e alla fine, nonostante gli sforzi, si lascia andare. Quello che succede dopo, però, ha dell’incredibil


 

Un incidente incredibile, dalle dinamiche allucinanti, e che però ha messo a serio rischio la vita di una giovane paziente, che si ritrova a fare i conti con delle gravissime ustioni in alcune zone del corpo. Il tutto a causa di un peto emesso durante un’operazione con il laser, che avrebbe scatenato le fiamme in sala. Tutto è successo in Giappone, come riportato dalla testata britannica Metro: protagonista della vicenda una giovane intorno ai 30 anni che si stava sottoponendo a un intervento all’utero, durante il quale però ha finito per rilasciare del gas dall’intestino. Le bizzarre dinamiche sono state sotto investigazione da parte delle autorità nipponiche, che hanno voluto verificare che al momento dell’esplosione del rogo non fosse presente in sala del materiale infiammabile. Pare però che tutto fosse in regola, e che ha far divampare le fiamme sia stato realmente il bizzarro episodio.

(Continua a leggere dopo la foto)







 

La sfortunata paziente si è trovata così ustionata in alcune zone del corpo che comprendono le gambe e la vita, anche se per sua fortuna non si trova in pericolo. Una vicenda unica al mondo che ha subito fatto il giro del web, con gli utenti rimasti a bocca aperta di fronte alla ricostruzione.

(Continua a leggere dopo la foto)

 

 






E invece, nonostante lo scetticismo iniziale, pare proprio che sia stata quella flautolenza, combinata con il laser che i medici stavano utilizzando per portare a termine la delicata operazione, a causare l’incidente. L’ospedale nel quale è accaduta la brutta vicenda, a Tokyo, è tra i pochi in Giappone a effettuare interventi di questo tipo.

“Don Antonio in gravi condizioni, ecco come sta”. Dopo lo choc, la verità. Dopo il malore che lo ha colpito all’improvviso, dall’ospedale dov’è ricoverato, parlano i famigliari del Boss delle Cerimonie

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it