“Ho perso tutto. Ma non ho mai mollato”. Una brutta malattia, a soli 21 anni, le ha portato via le braccia e le gambe. Ma lei, bella e coraggiosissima, non si è arresa e oggi è diventata una star del web


 

Una brutta malattia le aveva segnato la vita, portandole via in poco tempo sia le braccia che le gambe. Ma lei, la coraggiosissima Kaitlyn Dobrow di 21 anni, ha scelto di non arrendersi, di lottare con coraggio fino a reinventarsi star della rete, dove si mostra alle prese con le più banali operazioni quotidiane affrontate a testa alta nonostante la sua condizione. L’incubo di questa sfortunata giovane, come scrive il Daily Mail, ha inizio tre anni fa, quando una forma molto aggressiva di meningite ha rischiato di ucciderla. Sul suo corpo sono iniziate a comparire vesciche simili a quelle di un’ustione, poi la pelle ha iniziato a cadere e gambe e braccia a gonfiarsi fino a quando non è stato necessario amputarle.

(Continua a leggere dopo la foto)







Nel giro di pochi mesi, Kaitlyn ha dovuto subire oltre 20 operazioni chirurgiche e oltre ad aver perso gli arti si è vista rimuovere anche grandi lembi di pelle. Lei, però, non ha mai mollato e oggi, dopo essere sopravvissuta a quel terribile male, si è reiventata beauty blogger trasformandosi in una star del web.

(Continua a leggere dopo la foto)

 




 

Dalle passeggiate al make up, tutte attività che la ragazza riesce a svolgere con l’aiuto delle protesi e che condivide puntualmente in rete. Su Instagram sempre più persone hanno iniziato a seguirla, fino a farle toccare quota 70.000 seguaci su Instagram.

(Continua a leggere dopo la foto)


 

“Sono orgogliosa delle mie cicatrici. La mia vita inizia ora”, ha detto lei , più motivata che mai. “Grazie ai miei video spero di poter ispirare migliaia di persone che come me si trovano a fare i conti con un destino beffardo. L’importante è non arrendersi mai”.

Sifilide, l’abbiamo sempre sentita nominare, ma sappiamo veramente come si manifesta? Quest’uomo di 38 anni l’ha presa e ha deciso di mostrare a tutti le foto choc della malattia (non per persone sensibili)

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it