La credono morta ma si sveglia nel mezzo della veglia: choc tra i presenti


A volte capita che ci giungano storie del genere dall’altra parte del mondo. Siamo in India, dove una donna che era stata dichiarata morta dai medici, si è risvegliata nel bel mezzo del proprio funerale. Naturalmente, detta così, chiunque potrebbe gridare al miracolo, ma se analizziamo bene la cosa vedremo di “beato” c’è poco o nulla. Questa vicenda ci arriva dai giornali locali di Muchchandi, un piccolo villaggio in India e racconta, potenzialmente, di un clamoroso fatto di malasanità. La protagonista della vicenda è la La 55enne Malati Chougule, che da giorni aveva accusato una febbre altissima, aveva perso conoscenza ed era stata trasportata d’urgenza in ospedale nella città di Belagavi, nello stato indiano del Karnataka.

I medici, dopo averla monitorata per qualche ora, avevano tentato di rianimarla ma, non riuscendo nell’intento, l’avevano dichiarata morta. A quel punto, l’ospedale aveva dato la terribile notizia ai familiari della donna, che avevano riportato il corpo nel suo villaggio. Come riporta TheIndu.com, i parenti della donna avevano fatto ritorno a casa, iniziando i preparativi per il rito funebre secondo la traduzione induista. Continua a leggere dopo la foto








Il corpo era stato lasciato per un’intera notte nel giardino di casa, ma proprio mentre i familiari si stavano riunendo per l’ultimo saluto, all’improvviso la donna ha riaperto gli occhi. In molti hanno gridato al miracolo, ma un giovane familiare, studente di medicina, ha tentato, non senza problemi, di spiegare che si era trattato semplicemente di un coma temporaneo. Continua a leggere dopo la foto






Una vicenda che ricorda quella della donna di 70 anni, dichiarata morta dai medici, che è stata poi salvata dal marito che si è accorto che respirava ancora poco prima che il suo corpo venisse caricato nell’inceneritore. L’incredibile storia è avvenuta a Bangkok, in Thailandia. La riporta il DailyMail. Phinij Sopajorn era stata dichiarata morta lo scorso 20 ottobre in un ospedale della capitale. Continua a leggere dopo la foto



 


La donna, che soffriva di gravi problemi dovuti ad un aumento del volume della tiroide, aveva improvvisamente smesso di respirare e i medici non avevano potuto far altro che constatarne la morte. La famiglia aveva così iniziato a preparare il suo corpo per il rito funebre buddista, che prevede di lasciare per tre giorni la salma in una bara fredda all’interno di un tempio.

Ti potrebbe anche interessare:

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it