Ha 30 anni ed è madre di tre bambini. Cacciata dal marito, allontanata dai parenti, sola e disperata, per passare la notte non le era rimasto che dormire sotto uno squallido porticato. Poi, l’imprevisto da non credere…


 

Di storie di sofferenza sono piene le pagine dei giornali, la precarietà del lavoro e le contingenze del quotidiano possono rendere la vita difficile per molte persone, ci sono tante famiglie che realmente faticano a mettere insieme il pranzo con la cena. Per questo motivo quando leggiamo di storie di persone che si mettono in gioco per aiutare, ci si riempie il cuore di speranza. La solidarietà è sempre un atto che rasserena. Se poi ad avere il cuore grande sono degli agenti di polizia che fanno qualcosa che esula completamente dalle loro ordinarie mansioni, allora qualcosa si accende di un calore umano. 

La scorsa notte gli agenti del reparto Volanti e Prevenzione crimine della Questura di Cosenza, si sono trovati di fronte a una scena capace di toccare chiunque. Una donna coi suoi tre bambini di 3, 2 anni e un neonato di 4 mesi, si era sistemata sotto un porticato per passarci la notte.

(Continua a leggere dopo la foto)



 

Qualche cartone adagiato sul pavimento gelido e solo un telo azzurro per ripararsi dal freddo. Gli agenti  avevano ricevuto segnalazione e si sono subito recati in via Pasubio, dove hanno trovato mamma e bimbi che dormivano all’addiaccio. I poliziotti hanno subito iniziato a prendersi cura dei figli e della donna, cercando di dare loro conforto e al tempo stesso cercando di  trovare una sistemazione migliore, ossia un tetto e pasti caldi. Hanno contattato associazioni e case famiglie, ma purtroppo senza esito. 

(Continua a leggere dopo le foto)



Dopo che le ricerche di trovare un alloggio consono non hanno avuto successo, agli agenti hanno deciso di accompagnare la famiglia in un albergo della città. A pagare il conto sono stati i poliziotti, mettendo mani al loro portafogli per dare conforto, seppure temporaneo, a una giovane madre e ai suoi tre bimbi. Prima di andare in hotel la madre, una 30enne rumena, ha raccontato in lacrime agli agenti cosentini che il marito nonché padre dei tre bambini li aveva abbandonati in Romania.

(Continua a leggere dopo la foto)

La storia della donna fa tremare i polsi. La donna, in preda alla disperazione, è tornata in Italia per andare da parenti, ma questi l’hanno allontanata da casa dopo neanche una settimana perché non erano in grado di provvedere al mantenimento. Non conoscendo nessun altro, spaesata e senza soldi, la donna è stata costretta ad andare a dormire sotto i ponti con i tre piccoli.

Ti potrebbe interessare anche: Vive senza elettricità, ma non per scelta né per povertà: una storia curiosa (e triste)