Vestito da Babbo Natale rapina banca e regala i soldi ai passanti urlando “Auguri”


Un Babbo Natale vero e forse anche un Robin Hood dei tempi nostri. Due entità in un unico corpo, verissimo, reale: quello di David Oliver che in pochi secondi è diventato l’eroe di tutto il mondo. La storia, surreale per alcuni aspetti, arriva dagli Stati Uniti. Il “protagonista” è questo simpatico 65enne: folta barba bianca (come dimostrano le foto della polizia di Colorado Springs, nella contea di El Paso), ma un animo molto più controverso. L’uomo infatti ha prima rapinato una banca, poi ha iniziato a lanciare soldi ai passanti urlando “buon Natale!”.

Il “colpo” è stato messo a segno il 23 dicembre ma la notizia è stata diffusa solo oggi dai media americani. Secondo il racconto di alcuni testimoni, alcuni dei quali intervistati delle emittenti televisive locali, l’uomo ha messo a segno un colpo in una filiale della Academy Bank dicendo ai dipendenti di avere con sé una pistola. Nella fuga, il 65enne ha iniziato a tirare i dollari dal borsone usato per la rapina e ha iniziato a lanciare le banconote in aria. Continua a leggere dopo la foto







Non solo: il rapinatore “Babbo Natale” avrebbe anche iniziato a urlare “Buon Natale! Buon Natale!” stando al racconto dei presenti. La fuga del rapinatore “con la barba bianca” (così è stato definito dai media locali) è terminata poco dopo e senza alcun problema. David Oliver, infatti, è stato rintracciato dalla polizia in una vicina caffetteria. Continua a leggere dopo la foto






L’uomo è stato arrestato dagli agenti senza opporre alcuna resistenza: “Stava aspettando la polizia seduto comodamente ai tavolini dello Starbucks” ha dichiarato un testimone ai media. Insomma, una favola dei tempi nostri visto che come riportano i media americani, alcuni passanti hanno restituito sì la parte del bottino alla polizia ma migliaia di dollari sarebbero rimasti nelle tasche dei passanti che hanno preferito non restituire il regalo. Continua a leggere dopo la foto



 


Se pensiamo a quante persone pregano Dio (qualsiasi) per un aiuto economico e per sbarcare il lunario, soprattutto quello natalizio dove gli stipendi arrivano e se ne vanno. Poi arriva il Robin Hood mixato a Santa Claus e lo spirito del Natale continua a vivere in tutti noi, come nella migliore favola di Dickens.

Ti potrebbe anche interessare: “Il primo Natale senza famiglia”. Mariana Aresta, dal reality alla tristezza

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it