Una cerimonia apparentemente normale, con tanto di testimoni e scambio delle fedi. Ma a pronunciare il fatidico sì sono mamma e figlia, in quello è che uno dei matrimoni più bizzarri mai visti


 

Una storia che, a leggerla così su due piedi, sembra presa direttamente dalla sceneggiatura di qualche film demenziale e che invece è vera, verissima, e ha scioccato gli utenti del web rimasti letteralmente allibiti di fronte alle vicende che hanno portato all’arresto di Patricia Spann, una donna di 43 anni che si trova attualmente in carcere in Oklahoma.

A ricostruire la sua storia è il tabloid Metro. A colpire sono le relazioni sentimentali della donna, che all’anagrafe risultava sposata con la figlia dopo aver divorziato… dal figlio!

(Continua a leggere dopo la foto)







 

Sì, esattamente così. Patricia è convolata a nozze con la 25enne Misty Spann, ovvero sua figlia nel marzo del 2016. Sei anni prima aveva invece annullato legalmente il suo precedente matrimonio, che l’aveva vista salire stavolta l’altare insieme al figlio maschio Jody. Fino a oggi, però, nessuno sapeva nulla della vicenda.

(Continua a leggere dopo la foto)




Soltanto durante una serie di indagini effettuate dal Department of Human Services sul benessere della popolazione più giovane la verità è venuta a galla. Nello stato dell’Oklahoma il matrimonio tra parenti prossimi è considerato incestuoso, che ci sia o meno una relazione sessuale tra i due.

(Continua a leggere dopo la foto)


 

La donna è stata così condannata a due anni di carcere. Stando a quanto riportato dalla polizia, Patricia avrebbe spiegato di essere stata separata dai suoi tre figli, che il giudice aveva affidato alla nonna. Con questi matrimoni pensava di riuscire a poterli finalmente rivedere.

“Incesto e necrofilia legalizzate, assurdo vietarli”. La proposta della politica e le (comprensibili) forti polemiche. Ecco di chi è l’idea

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it