“Giusto un regalino per i miei colleghi”. Preso da un momento di euforia, offre in ufficio dei dolcetti che aveva precedentemente riempito di viagra. Scherzo del cavolo? Abbastanza


 

Di scherzi bizzarri e un po’ sopra le righe, da mettere in atto e poi condividere immediatamente sui social network per la gioia dei nostri amici virtuali, ne abbiamo visti a centinaia. Quello venuto in mente a questo ragazzo di 24 anni, però, non è propriamente il massimo dell’intelligenza e ha rischiato di avere conseguenze tutt’altro che divertenti sulle ignare vittime.

Protagonista dell’incredibile vicenda raccontata dal Daily Mail e subito diventata virale è un giovane di nome Benjamin Chope.

(Continua a leggere dopo la foto)








 

 

Durante un momento di relax in ufficio, Benjamin ha avuto la brillante idea di offrire loro dei dolcetti all’interno dei quali aveva però in precedenza inserito una trentina di pillole di viagra. Uno scherzo che nella sua mente doveva risultare esilarante e che invece è quasi costato la vita al suo capo.

(Continua a leggere dopo la foto)




Sì perché Daniel Webber, il superiore del ragazzo, ignaro di tutto ha assaggiato il dolce e soddisfatto del sapore ha poi deciso di concedersi anche il bis. Pochi minuti dopo, però, l’uomo ha iniziato a sentirsi poco bene ed è corso in bagno cercando di dare di stomaco. Alla fine è stato necessario il ricovero in ospedale.

(Continua a leggere dopo la foto)

 


“Non intendevo fare del male a nessuno ma ho pensato che sarebbe stato divertente dare un’erezione al mio datore di lavoro” ha provato a giustificarsi Benjamin, denunciato per l’accaduto. Parole che non gli hanno però risparmiato una condanna a ottanta ore di lavoro non retribuito e a dodici mesi di volontariato forzato.

“Si è preso il Viagra per fare sesso con Belen ma lei non gliela ha data e allora…”, le dichiarazioni spiazzanti di un ben informato (e famoso) inchiodano proprio lui (vip che non sta passando un gran periodo). No comment…

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it