Lei vive così, chiusa in una gabbia peggio di un cane. È la storia choc di una 45enne costretta dai genitori a questa disumana esistenza. Il motivo di tanto orrore? Giudicate voi, anche cosa dicono di lei quelli che giustificano madre e padre


 

Questa è la triste storia di Peng, una donna cinese di 45 anni che ha una grave malattia mentale. Dal 2012 i suoi parenti hanno tentato ogni cura possibile, ma i risultati non son mai stati quelli sperati. Secondo il giornale Huanqiu, la donna è stata ricoverata in quattro ospedali psichiatrici, ma ogni trattamento si è rivelato fallimentare: i progressi che la accompagnavano durante i mesi di degenza venivano vanificati al suo ritorno a casa. Alla fine sempre la stessa storia: un pericolo per tutti gli abitanti del villaggio. Una furia talmente incontrollabile da costringere i suoi genitori a farla vivere in gabbia. Una situazione terribile, mostrata al mondo attraverso alcune foto pubblicate sui social che in poche ore hanno scavallato i confini della Cina per attraversare gli oceani e giungere fino a noi. Un calvario durato anni durante i quali i genitori, disperati, hanno temuto per la sua incolumità e per quella degli abitanti di Xixia: durante una delle ultime crisi la donna è scappata da casa e ha spaccato i vetri di alcune automobili e rotto le finestre dei vicini. Una situazione insostenibile per i parenti, che hanno deciso di mettere Peng in gabbia: la donna vive sulle scale dello scantinato il cui accesso è stato inibito da un enorme reticolo di ferro ancorato al pavimento grazie a dei massi. Da lì, attraverso quelle fessure, guarda il mondo e ciò che la circonda. (continua dopo la foto)







Dopo mesi in condizioni disumane la svolta è arrivata il 28 luglio quando una vicina, con il cuore colmo di tristezza per Peng, ha deciso di far vedere al mondo intero come vive la donna: poche foto che descrivono senza alcun bisogno di parole l’orribile situazione in cui è costretta a sopravvivere. (continua dopo le foto)





 

In poche ore quelle immagini hanno suscitato l’indignazione generale e hanno rapidamente fatto il giro del web tanto da richiamare l’attenzione della polizia, che si è fiondata in quella casa per liberare Peng: adesso per lei è l’inizio di una nuova esistenza in un ospedale dove riceverà tutte le cure necessarie che le garantiscano la vita che merita. Se riuscirà a riprendersi nessuno lo sa. Bisognerà attendere la fine dei trattamenti per capire se la donna riuscirà mai a vivere in libertà senza l’ausilio di farmaci e/o accompagno.

Ti potrebbe anche interessare:  Colora di verde i capelli del figlio e scrive: “Sono pazza di te mio adorato baby punk”. Ma sui social è subito polemica e lei (bellissima attrice) viene massacrata. Parliamo proprio di lei

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it