”Amo le favole” e organizza il suo matrimonio in perfetto stile Cenerentola, con tanto di cocchio e cavalli bianchi. Ma l’idillio dura poco e, dopo pochi mesi, ecco che fine fa questa coppia. No comment


 

Michael e Maria Stacey si sono sposati nel 2012. Il loro non è stato un matrimonio normale, ma è stato un matrimonio speciale. La coppia, infatti, per celebrare il proprio giorno più bello, si è ispirata alla favola di Cenerentola. E hanno preso alla lettera le caratteristiche della favola. Non mancava nulla, ma proprio nulla e gli invitati hanno l’impressione di essere davvero nella fiaba. Mancavano, per fortuna, solo le sorellastre.

Ma, se le favole finiscono sempre con un bel ‘’e vissero felici e contenti’’, le favole che diventano ‘’reali’’ nella realtà, vanno a finire diversamente. Almeno questa…

(Continua a leggere dopo la foto)








 

Ma prima rispolveriamo un po’ cosa è accaduto il giorno del matrimonio: i due sono arrivati in modo trionfale a bordo di un cocchio trainato da due cavalli bianchi, un po’ come fecero Katie Price e Peter Andre. ‘’Mi sono ispirata alla favola Disney perché amo le favole’’. E tutta la giornata fu da sogno.

(Continua a leggere dopo la foto)




L’idillio durò giusto 5 mesi e finì con la coppia arrestata e accusata di possedere e spacciare droga. Michael, 33 anni, ha ammesso davanti al giudice di aver venduto la cannabis che aveva coltivato nel suo giardino tra Gennaio 2013 e Marzo 2014. La moglie, invece, ha negato. 

(Continua a leggere dopo la foto)


Per il momento, l’uomo è stato rilasciato su cauzione e sarà giudicato nei prossimi giorni. La moglie, invece, ha mentito sul possesso della droga, e quella bugia peserà senza dubbio sul suo fascicolo.

E pensare che, dalla scelta del ‘’tema’’ del matrimonio, la coppia sembrava tranquilla. L’ennesima dimostrazione che l’apparenza inganna. È bene non giudicare mai a partire da essa. 

Leggi anche: A guardarla così forse non lo direste. E invece, ecco come questa ragazza si è trasformata nella regina del ballo di fine anno. La storia della novella Cenerentola diventata una star del web

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it