“Ma è una follia!”. Chiede il conto dopo una cena al ristorante e quando guarda lo scontrino non riesce a credere ai suoi occhi. Ma non è per il prezzo, è una voce in particolare sulla ricevuta che lo manda su tutte le furie


Quanto costa essere ironici al ristorante? Fare battute al cameriere può costare “caro” nella vita, ma l’uomo che ha pubblicato l’immagine di uno scontrino fiscale sul web non si sarebbe mai aspettato di “pagare” veramente il suo sarcasmo. Siamo in Usa, il posto non è ben meglio identificato, dove l’utente Imgur “briancjackson” ha diffuso la foto dopo aver trascorso la serata in un locale. Tra le varie voci sulla ricevuta ne è apparsa una piuttosto insolita.

(continua dopo la foto)








 

Gli si chiedeva un extra per la sua intelligenza e il suo spirito. La tassa chiamata “Smartass Charge” è di una ventina di centesimi, ma a quel punto l’utente si è chiesto cosa abbia fatto di così particolare per ottenere una simile attenzione. Chi ha commentato il post ha sottolineato che la ricevuta era piuttosto vaga, ma quello che sorprende di più è che l’ironia possa essere tassabile. Ci credereste? E’ come se di sabato, in pizzeria, il nostro classico amico burlone fa una battuta con il cameriere e sul conto, come per magia, trovassimo addebitato un extra (invece che uno sconto). Poi quella scritta in fondo allo scontrino che suona proprio come una presa per i fondelli: “Torna a trovarci presto”, si legge. Chissà cosa avrà pensato l’utente di Igmur quando l’ha vista… Cose da pazzi!

Ti potrebbe anche interessare: Al bar con le amiche, ma quando il cameriere le porta lo scontrino, ecco la frase agghiacciante che trova scritta. E il racconto (davvero spiacevole) fa il giro del web tra polemiche

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it