“Hey mafioso! Prova il nostro panino”. Messaggio choc di McDonald’s a siciliano emigrato in Austria.


È un messaggio clamoroso, un vero e proprio insulto più che una semplice gaffe, quella di cui si è resa protagonista McDonald’s. La catena di fastfood più famosa e diffusa nel mondo ha infatti scritto un messaggio ad un suo cliente. Fin qui, tutto normale: si tratta di un semplice atto di marketing, un tentativo di fidelizzare il cliente, di avvicinarsi alle sue esigenze. Niente di tutto questo, perché il cliente in questione si chiama Dario, è originario di Giarre, in Sicilia, ed è emigrato in Austria per lavoro da quattro anni.

Quando un bel giorno, sul suo cellulare la notifica di McDonald’s. Quando l’ha aperta, ecco il messaggio choc: “Hey mafioso! Prova il nostro Panino della Casa. Bella Italia!”. Una scritta incredibile, con il ragazzo che non voleva credere ai suoi occhi. “Mi sono veramente incazzato, da siciliano all’estero ma anche da italiano”, ha raccontato a Meridionews, il sito di informazione che per primo ha dato la notizia. Una gaffe, un senso della battuta non sviluppato o forse c’è qualcos’altro? Continua a leggere dopo la foto.







Dario però non è stato con le mani in mano. E ha scritto direttamente alla Mc: “Da assiduo cliente del vostro fast food vi prometto che non mi vedrete più nei vostri ristoranti, né me né i miei amici e la mia famiglia. La notifica che mi avete inviato stamattina è la più offensiva e discriminatoria pubblicità che io abbia mai visto in vita mia”. Il giovane siciliano si è poi lasciato andare ad una vera lezione di storia per tutti: “avete mancato di rispetto anche a Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Peppino Impastato, Carlo Alberto Dalla Chiesa, Piersanti Mattarella, Serafino Famà e molti altri”. Continua a leggere dopo la foto.






Una risposta da applausi, ma Dario non si è fermato qui: “Come osate associare tutti gli italiani a un branco di criminali? Sapete che molti giovani italiani hanno lasciato le loro case, le loro famiglie e i loro amici per trovare un lavoro onesto e una vita migliore? Pensate che chiamare a caso un ragazzo italiano mafioso vi faccia vendere più hamburger?”. Parole dure, sentite, che arrivano dal cuore. E intanto questo caso finisce sul tavolo del parlamento. Perché alcuni deputati palermitani del Movimento 5 Stelle hanno deciso di non restare con le mani in mano. Continua a leggere dopo la foto.



Hanno chiesto che la McDonald’s si impegni, per chiedere scusa, in una campagna di sensibilizzazione contro la droga. Il problema, fanno emergere dalla catena, sarebbe una traduzione sbagliata di un termine, ad opera di un programma automatico. “Prendo atto della risposta anche se non trovo molto corretto scaricare la responsabilità sull’intelligenza artificiale anziché ammettere l’errore umano – ha detto Dario – Credo che la risposta sia arrivata per il clamore che ha avuto la vicenda e resto, comunque, convinto che non ci tornerò più”.

“Che str****!”. Fans scatenati contro Riccardo Scamarcio. Pioggia di accuse e di insulti.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it