Si finge disabile per vedere come vengono trattati dai suoi dipendenti


Stava pianificando un piano per testare la solidarietà e la compassione dei suoi dipendenti. Si chiama Carlos Tena ed è il sindaco di Chihuahua, città del Messico), un uomo conosciuto da tutti per la sua sensibilità verso i bisognosi, la sua lotta per la giustizia sociale e che tutti ricevano il trattamento che meritano. Per testare il comportamento dei suoi dipendenti tana ha deciso di impersonare un uomo in sedia a rotelle che è stato presentato nelle autorità comunali di assistenza.

L’uomo ha finto anche di avere una ferita sul volto, così si è bendato parte del volto, indossava occhiali scuri, una felpa e un cappello, in modo da non risultare riconoscibile. Complice un’altra persona, giovedì scorso Carlos Tana è apparso alla Direzione dello sviluppo sociale per richiedere un po’ di alimenti (con un buono per acquistare cibo accettato da alcune aziende come valuta di pagamento). Ma con grande delusione del sindaco, si è ritrovato di fronte al peggio. Proprio così. (Continua a leggere dopo la foto)



La storia ha infatti una piega che il sindaco proprio non si aspattava. Sergio Sierra, coordinatore della comunicazione sociale della città di Cuauhtémoc, ha dichiarato che Tena si è sentito sottovalutato, ad eccezione di un impiegato che gli ha offerto una semplice gelatina. Tutto questo, nonostante il fatto che lui stesso abbia chiesto a tutto il personale di trattare bene le persone, qualunque cosa venissero a chiedere. A questo punto, una volta ricevuto il terribile rifiuto, l’uomo si è recato in un altro ufficio dove è stato nuovamente rifiutato. (Continua a leggere dopo la foto)


Questo atteggiamento lo ha gelato definitivamente. Un comportamento che non è piaciuto per niente al sindaco, soprattuto perché lui è il primo a offrire personalmente aiuto alle persone in difficoltà che si rivolgono lui. Ricevuto il secondo rifiuto Carlos Tena ha chiesto di parlare con il sindaco o il segretario del municipio, ma anche in questa occasione i dipendenti hanno negato la richiesta. A questo punto il sindaco si è arrabbiato e si è tolto il travestimento e ha svelato la sua identità. I dipendenti del Comune sono rimasti interdetti alla vista del sindaco e si sono scusati per il loro comportamento. (Continua a leggere dopo la foto)


 

Carlos tana ha indetto una riunione per leggere una sorta di decalogo della ‘buona persona’ su come trattare i bisognosi che si recano in Comune per chiedere aiuto. “Mi ha fatto male che le persone che lavorano e guadagnano uno stipendio, trattino male i cittadini. Ho detto loro più volte, che non volevo venire a sapere di nuovo che avevano trattato male qualcuno”, ha detto il sindaco in un’intervista ai media.

“Ecco il mio nuovo look”. Ma piovono le critiche: Giacomo Urtis prima e dopo