Nota una escrescenza sospetta all’inguine, va a fare una doccia per rilassarsi ma le si paralizzano le gambe e sviene. Poi la folle corsa in ospedale


 

La brutta vicenda di Madison Brown è iniziata per colpa dell’acne. Dopo aver provato creme e trattamenti di ogni tipo, la ragazza si rivolge a un dermatologo che le dice che non c’è altra scelta: deve prendere la pillola per curare la sua pelle. Così la ragazza – 18 anni – inizia ad assumerla. Da quel momento, iniziano i suoi guai.

(Continua a leggere dopo la foto)



Che la tengono per due settimane in terapia intensiva per colpa di un grumo di sangue che le si era formato nell’inguine. Tutto per colpa della pillola. Erano solo due mesi che aveva iniziato a prendere il contraccettivo, finché non ha iniziato a sentire dei dolori insopportabili al basso addome e all’inguine dove, nel frattempo, le si era formata un’escrescenza. Il dolore, un giorno, diventa così forte che la ragazza viene portata di corsa in ospedale dove, fortunatamente, la curano (prendendola per i capelli).

‘’Mi sono sentita male sotto la doccia – ha raccontato al Sun – avevo dolore ai piedi, non riuscivo a piegare le ginocchia e non sentivo più la gamba destra. Mi sentivo svenire poi ho visto la mia gamba diventare gonfia e rossa, invece gli alluci erano viola’’. La ragazza, ovviamente, era terrorizzata. Così come sua madre che, prontamente, la porta in ospedale dove lo staff medico fa loro presente che il problema di Madison era un effetto collaterale della pillola. La ragazza trascorre 17 giorni al Royal Preston Hospital dove viene sottoposta a un trattamento per far regredire il grumo che le si era formato all’inguine.  

“È stato dolorosissimo – ha raccontato la ragazza – anche perché sono stata sottoposta all’intervento senza anestesia: i medici si era raccomandati che restassi sveglia’’. 

Ora la ragazza sta bene ma non potrà mai più assumere la pillola anticoncezionale per tutta la vita. Per tutta la vita, inoltre, dovrà prendere un farmaco per evitare che, da adulta, rischi attacchi di cuore.

Ora Madison vuole che tutte conoscano la sua storia per evitare che le ragazzine prendano la pillola con leggerezza. ‘’Fate le analisi del sangue, ragazze, per essere certe che la pillola sia un farmaco che fa al caso vostro’’.



 

A 17 anni non ha ancora avuto il ciclo (ma le sono spuntati i peli pubici). Così va dal ginecologo per un semplice controllo. Lui la fa sdraiare sul lettino, la visita e scopre la tremenda verità. Un vero choc