Dopo tre gravidanze e una dipendenza seria dal cibo, arriva a pesare più di 100 chili. Ma non si rende conto di essere obesa finché non vede una foto “particolare”. Non immaginerete mai come è oggi… Davvero irriconoscibile. Pronti allo choc?


 

Sarah Reynolds, 31enne di Guelph (Ontario, Canada), alla nascita del terzo figlio nel 2001 ingrassò così tanto da arrivare a pesare 101,5 chili. La svolta nella vita della ragazza è avvenuta quando si è vista taggata in una foto su Facebook. Subito è corsa ai ripari cancellando quello scatto, ma al tempo stesso ha deciso di dimagrire.

(Continua a leggere dopo la foto)







Dopo aver raggiunto un ottimo risultato grazie ad un severo programma di allenamento che si era imposta, la ragazza ha capito di sentirsi molto meglio e con più energie. “Quando ho visto quella foto su Facebook mi sono sentita molto in imbarazzo. Sono rimasta scioccata perché quella persona nemmeno mi sembravo io. L’immagine che avevo di me in testa era molto diversa. È stato molto peggio di quello che ho sempre immaginato di me. Ho capito da sola la mia patologia di dipendenza dal cibo, avevo sempre desiderio di mangiare”.

(Continua a leggere dopo la foto)




Determinata a tornare magra e in forma, la biondissima ragazza ha deciso di iniziare ad allenarsi ogni giorno per 30 minuti e a sostituire i carboidrati con frutta e verdura. Dopo aver perso inizialmente gran parte del peso in eccesso, si è iniziata a piacere e ha iniziato a lavorare per costruirsi un vero e proprio fisico perfetto.

(Continua a leggere dopo la foto)


Sarah oggi ha tre bambini di 10, 8 e 6 anni, e ammette che con tre figli piccoli non è facile mantenere uno stile di vita regolare e salutare. “Quando ho iniziato la mia dieta e gli allenamenti dopo i parti, non avevo altra scelta che rendere partecipi anche loro. Loro mi hanno visto imprarare gli esercizi e cercare le informazioni sui livelli nutrizionali da seguire. Ma è stato molto difficile. Ho lavorato molto, cercando di far divertire loro e rendere efficaci i miei esercizi. Quello che voglio dire, infatti, alle mamme che cercano di raggiungere il mio stesso risultato, di farlo per i propri figli. Da magre è tutto più facile, anche essere genitori. Ho molta più energia, e tutto quello che faccio per me lo faccio anche per loro. Mi guardano e imparano”.

 

 

 

“Chiedeva ragazzi magri e dotati e coi preti…”: ecco le perversioni del parroco sospeso

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it