Il toy boy la lascia di punto in bianco. Lei, 20 anni più grande, non si dà pace. E la sua vendetta sul ragazzo è terribile. Una storia davvero agghiacciante


 

C’è chi sostiene che i toy boy siano la moda del momento, e che dietro quella differenza d’età si nasconda il segreto di una coppia. Di sicuro, però, non la penserà allo stesso modo questo giovane, che dopo una relazione con una donna molto più grande di lui è stato costretto a subire la sua ira quando ha deciso di troncare la storia. E la vendetta è stata davvero atroce.

(Continua a leggere dopo la foto)



 

Vittime della furia dell’ex, vent’anni in meno del ragazzo, sono stati anche la madre e il cane del diretto interessato. La donna, che era stata fidanzata con lui per un paio di anni, si trova ora a processo con l’accusa di atti persecutori e incendio. E tutto sommato, visto quello che ha combinato, poteva andare parecchio peggio. Mollata perché troppo morbosa, la signora ha infatti avvelenato con dei bocconi tossici il cane di lui, che per fortuna si è però salvato grazie al pronto intervento del veterinario.


 

A seguire, ha tempestato il ventenne di chiamate di minaccia, “oltre 5000 in pochi mesi” secondo quando riportato dalla Cronaca di Roma de La Repubblica. Poi gli ha incendiato l’auto, una Fiat 600, nel bel mezzo della notte. Ma a farne le spese è stata anche la madre del ragazzo, una signora di 60 anni, iscritta a sua insaputa su un sito di scambisti col nomignolo di “Lella la monella”.


In allegato, il numero di telefono della donna, tempestata nei giorni successivi di telefonate a ogni ora del giorno con la richiesta di incontri piccanti. In una continua escalation, la stalker sempre più disperata avrebbe anche telefonato alla scuola superiore frequentata dal fratello minore dell’ex, quel giorno assente tra i banchi della classe, dicendo che lo studente era stato coinvolto in un terribile incidente stradale.

 

Aspettava un bambino dal marito. Era al settimo cielo. Poi, per caso, lo becca in compagnia dell’amante, bella e giovane. E scatta la tremenda vendetta, immortalata da un video che sta facendo il giro del web