“Ho salvato un angelo dalle onde”. L’incredibile ritrovamento del pescatore: “Un miracolo”. Ma la realtà è un po’ meno mistica (e un po’ più hot). Una storia davvero bizzarra


 

La routine di un villaggio indonesiano interrotta di colpo da un evento paranormale: un angelo caduto dal cielo e soccorso da un pescatore mentre galleggiava tra le onde. Un miracolo, una benedizione divina che aveva fatto subito commuovere gli abitanti. Peccato che le cose non fossero proprio così e che di mistico, in quell’apparizione, non ci fosse proprio niente.

(Continua a leggere dopo la foto)







 

Tutto è successo a largo delle isole Banggai Sulawesi. Come riporta il sito inglese Mirror, un uomo di nome Pardin era alla ricerca di pesce in alto mare quando ha visto qualcosa di strano, un corpo in balia della corrente, e si è subito precipitato per salvarlo. Si è così trovato di fronte una creatura mai vista prima, dalle fattezze umane ma inanimata.




 

Una banale bambola gonfiabile, in realtà. Che però nel villaggio è stata scambiata per una presenza divina. L’oggetto di piacere, gettato in mare da chissà chi, è infatti stato portato nell’abitazione del pescatore, dove è stata lavata e vestita come fosse una persona reale. Pardin se ne prende cura come fosse la sua sposa, riservandole attenzioni quotidiane. In pochi giorni, è diventato una star locale.


“Un angelo caduto dal cielo”: così la descrive lui, la cui abitazione è diventata meta di pellegrinaggi religiosi. Il ritrovamento è avvenuto pochi giorni dopo un’eclissi solare, fenomeno considerato magico tra gli isolani, e in molti pensano che i due eventi siano collegati. Chissà se qualcuno dirà mai loro la triste, squallida verità.

 

Compra una bambola gonfiabile, ma non è come pensate. E ora è stato costretto a vestirla… Una storia divertente

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it